CASTELLI APERTI

CASTELLI APERTI

«Castelli Aperti»: il 2 aprile palazzi e castelli della pianura aprono le porte al pubblico.

 

Si prosegue domenica 2 aprile con le «Giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali» con visite guidate ai castelli e borghi fortificati della pianura bergamasca nelle prime domeniche dei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno con l’aggiunta del lunedì di Pasquetta. 

A grande richiesta torna il servizio pullman, che ha permesso a molti visitatori di godersi senza preoccupazioni le visite guidate ai borghi e castelli e gustarsi golosi pranzi nel segno della tradizione bergamasca. Il pullman con partenza alle 9.30 e rientro alle 17.30, farà tappa al castello di Pumenengo e a seguire visita al castello Silvestri di Calcio e alla villa- castello Oldofredi sempre di Calcio, con incluso un pranzo nelle sale del castello Silvestri e il servizio guida a bordo.  Per maggiori informazioni sul pullman clicca qui.

Domenica 2 aprile tra le 14 località aperte al pubblico, in via eccezionale sarà visitabile il parco della storica Villa Allegreni a Martinengo, un immersione nella natura e nei colori di un giardino ottocentesco in stile inglese con i suoi alberi secolari e la straordinaria ricchezza della sua flora: nell’immenso parco si possono contare 70 specie differenti fra cespugli e arbusti su una superficie di oltre 10 ettari. Insieme al parco Allegreni, sarà possibile scoprire il borgo medievale di Martinengo con  i portici e gli affreschi quattrocenteschi del monastero di Santa Chiara.

Sarà inoltre aperto per la prima volta il castello Silvestri di Calcio, di origini romane, recentemente ristrutturato, che rappresenta una delle cinque nuove località che dal 2017 si sono aggiunte a questo circuito, insieme al castello - villa Oldofredi (sempre nel comune di Calcio, villa dove soggiornò Napoleone III in persona), il castello di Pumenengo con il suo salone affrescato e una piccola esposizione fotografica, il castello di Cavernago dalla suggestiva struttura seicentesca e il museo verticale di Treviglio all’interno della torre civica.

 

social_beat