FIATO AI LIBRI

FIATO AI LIBRI

Essere unici, essere copiati, essere numerosi. Queste sono le caratteristiche del festival «Fiato ai libri».

 

Unici: perché non esiste in Italia un altro Festival di sole letture sceniche. Copiati: perché qualcuno prova e ha provato a fare una cosa simile. Numerosi: perché ogni sera centinaia di persone vengono a vedere e ad ascoltare i nostri spettacoli. «Fiato ai libri» deve il proprio successo ad una formula che è semplice solo in apparenza: un ottimo libro, un bravo interprete ed un ascolto attento. Ma di semplice non ha nulla. Ogni spettacolo è pensato e cesellato per il Festival che ormai ha uno stile proprio e riconoscibile, fatto di alta letteratura ed una messa in scena “Pop”, usufruibile da tutti: dalla persona meno avvezza al teatro e alla lettura a quella colta.

Ogni spettacolo è interpretato da un attore scelto perché giusto per quel libro. Il risultato di tutto ciò, per l’edizione 2017, è un cartellone che prevede 19 spettacoli per adulti e 6 per bambini dove sui palchi delle diverse biblioteche dei Sistemi Bibliotecari di Seriate Laghi (promotore dell’iniziativa) e Treviglio si alterneranno artisti di grande fama e bravura quali: Laura Marinoni, Marco Baliani, Massimo Popolizio, Maria Paiato, Arianna Scommegna, Carlo Gabardini e Matteo Caccia di Radio 24 e moltissimi altri. Ma Fiato ai libri è molto altro: è l’attenzione per i bambini, 6 spettacoli appositamente costruiti per loro. «Fiato ai libri» è luoghi suggestivi. «Fiato ai libri» è la collaborazione con Unione Italiana Ciechi, oppure con Rugby Orio, o, ancora, Libera-Contro le mafie, è la collaborazione con deSidera e «Presente Prossimo», è il concorso di fotografie dei commercianti, ma, soprattutto, «Fiato ai libri» è il suo bellissimo e affezionato pubblico. E i libri: «L’Arminuta», «Gioco di Gerald», «Ragazzi di vita», «Giorno della Civetta», «Pirandello», «Carrére»…

Insomma come resistere a tutto ciò? Non è possibile!