L'Eco di Bergamo incontra
Dai canestri ai duemila concerti La duplice identità del «Druso»