Mercoledì 11 novembre 2009

Spray di gas narcotizzante
razziati cinque appartamenti

Sono penetrati in cinque abitazioni di notte soprendendo i proprietari nel sonno, li hanno narcotizzati e poi hanno saccheggiato gli appartamenti indisturbati a tal punto da riempire con la refurtiva un camioncino. Anche se manca la controprova, è ormai certo che i ladri hanno spruzzato una sostanza narcotizzante per poter agire così facilmente e darsi quindi alla fuga con l’ingente bottino.

Ma l’aspetto più sconcertante riguarda le porte d’ingresso: la mancanza di segni di effrazione lascia supporre che gli ignoti abbiano agito con una tecnica molto raffinata. L’incursione al complesso di appartamenti che sorge in via Strada alla Trucca 135 è avvenuta una settimana fa, nella notte tra il 3 e il 4 novembre, ma solo martedì è trapelata con abbondanza di particolari.

Nel complesso preso di mira abitano 45 famiglie e il raid è iniziato verso le 3 di notte, dopo che i ladri avevano svitato le lampadine del cortile. «Ognuno di questi nuclei – ha detto un abitante del complesso – è dotato di portoncini blindati con chiave a doppia mappa, che evidentemente hanno lasciato inserita all’interno. Utilizzando un particolare attrezzo infilato nella toppa, i ladri sono riusciti ad “agganciare” la chiave e a girarla per aprire il battente. Questo spiega perché non siano stati trovati segni di scasso».

Una volta dentro agli appartamenti i malviventi non si sono limitati ad arraffare orologi e altri oggetti preziosi che hanno trovato a portata di mano, ma sono saliti nella zona notte di ciascuna abitazione rovistando nelle camere dove dormivano i proprietari. «Quando sono entrati nella mia camera da letto – ha raccontato una delle vittime – devono aver spruzzato una sostanza che stordisce le persone perché non ho sentito nulla ma dal mio comodino sono spariti dei gioielli. E quando mi sono svegliata mi sono ritrovata con un gran mal di testa».

Ma anche il gatto di una delle case visitate è stato trovato ancora addormentato al mattino. I ladri hanno quasi ripulito completamente il primo degli appartamenti presi di mira, il bottino ammonterebbe a circa 30 mila euro. Anche negli altri quattro i danni sono stati stimati in diverse migliaia di euro. I malviventi hanno arraffato di tutto: gioielli, soldi, vassoi, argenteria, televisori, quadri e persino una giacca a vento.

r.clemente

© riproduzione riservata