Multa assurda? L'Atb replica:
«Frutto di illecita generosità»

In risposta alla lettera pubblicata on line martedì 24 luglio dal titolo «Biglietto alle 11.01, multa alla 11,02. Una storia incredibile, assurda», Atb intende fornire alcune precisazioni sull'episodio segnalato «e, più in generale, sottoporre all'attenzione dei cittadini un tema un po' più complesso e delicato che riguarda la sosta a pagamento in città».

«Atb - scrive il direttore di Atb, Gian Battista Scarfone - gestisce anche questo servizio dando la massima attenzione alle segnalazioni dei cittadini, per accertare e approfondire, con scrupolo e rapidamente, le problematiche che vengono evidenziate e per fornire, nei limiti del possibile, risposte adeguate. Purtroppo, il caso segnalato, per la mancanza di indicazioni sulla via e l'omissione del nome dell'autore della denuncia, non fornisce tutti gli elementi utili per chiarire la dinamica».

«Al momento, dai rapporti del personale in servizio quel giorno, risulta un solo episodio, in via Borgo Palazzo, vagamente riconducibile all'accaduto.
Se fosse questo il caso, proviamo a dare anche la nostra versione dei fatti.
Un gruppo di persone nei negozi lungo la strada, alla vista dei verificatori, si è precipitato al parcometro più vicino per regolarizzare la sosta. Poiché le auto prive di biglietto erano numerose, l'ausiliario ha iniziato col multare la prima della (lunga) serie».

«In quel momento, di corsa, esce da una bottega un automobilista che - così è stato dichiarato e verbalizzato - doveva giusto "far moneta" per il biglietto. Dall'altro lato della strada, una generosa signora si offre di cedergli il suo, non ancora scaduto. Ecco spiegata la ragione della difformità tra l'orario riportato sul ticket della sosta - fornito dalla signora -  e quello della multa - staccata un minuto dopo». 

«La cessione del biglietto - che certamente non offende il buon senso di nessuno -  è però vietata. Ecco la pietra dello scandalo: un atto di illecita generosità».

«I cittadini sono stanchi di subire ingiustizie; L'Eco di Bergamo raccoglie quotidianamente la sfida di denunciarle. Cogliamo quindi l'occasione dell'ospitalità sul giornale, per approfondire il tema dell'evasione ed elusione della sosta - che vede ATB e Comune di Bergamo impegnati molto seriamente - per segnalare un malcostume che sta dilagando».

«In alcune zone centrali e commerciali del centro - via Paglia (Coin), Piazzale Tiraboschi (Palazzetto dello Sport), via Pitentino, via Pascoli, via Borgo Palazzo, v.le Papa Giovanni XXIII (fronte Urban Center), via Scotti, via Madonna della Neve, via Tabajani, via Statuto, via Mario Bianco - si verifica sempre più spesso che i proprietari delle auto posteggiate senza biglietto, vedendo arrivare gli ausiliari del traffico, scattino per regolarizzare la sosta e, in volata, apporre il biglietto sul parabrezza, cercando di evitare la sanzione. Ma non è solo questo. Ad aggravare il senso di illegalità diffusa, ai danni di tutti i cittadini, si riscontra anche la complicità tra parcheggiatori abusivi e proprietari di auto.»

«Cosa succede? Il parcheggiatore abusivo assicura la vigilanza dell'auto e l'immediato pagamento del ticket solo in caso di controllo. In alcune situazioni, addirittura, già segnalate alle autorità competenti, alcuni affidano ai parcheggiatori persino le chiavi dell'auto (illegittimamente) in sosta: in occasione del controllo saranno loro a fare il biglietto e metterlo direttamente all'interno, sul cruscotto della vettura».

«Ma c'è di più. Abbiamo registrato casi ancora più "raffinati", in cui la complicità tra automobilisti e parcheggiatori abusivi porta i primi ad affidare a questi una somma di denaro da gestire secondo necessità, trattenendo ciò che resta come compenso per il "servizio": altro che sms con cui pagare la sosta!».

«Questa non è altrettanto una storia assurda? C'è poco da scherzare. Tali situazioni denotano un preoccupante degrado del senso civico per ragioni, tutto sommato, futili ed egoistiche. Così facendo si danneggia sia l'amministrazione pubblica sia tutti i cittadini onesti che pagano regolarmente e a quali viene impedito l'utilizzo degli spazi di sosta occupati illegittimamente per l'intera giornata e ben oltre il tempo consentito».

«Chi paga è il solito fesso? Così come chi rispetta le regole o chi le fa rispettare? In molti pagano, grazie al cielo. Ed è ancora la maggioranza che rispetta le regole. Ma c'è una pericolosa tendenza che ci impegneremo, per la parte di nostra competenza, a contrastare. E lo dobbiamo fare - conclude il direttore dell'Atb, Gian Battista Scarfone - anche per tutti quei cittadini, lettori del giornale, che in questi giorni hanno manifestato la giusta intolleranza verso quella che sembrava essere una "storia incredibile, assurda". Grazie per l'ospitalità».

© riproduzione riservata

Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito.

I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati

Accedi al sito per commentare

I commenti dei lettori (39)

  • 39 | Fabrizio92 - Messaggi (10) - 28-07-2012 - 17:08h

    @Giulio1977: con il caldo di questi giorni ogni cofano è bollente...anche se la macchina è ferma da mezz'ora...

  • 38 | minuscola - Messaggi (10) - 28-07-2012 - 11:53h

    I toni dei miei commenti precedenti sono sicuramente alti e non aiutano il dibattito democratico e per questo sono dispiaciuto,ma in momenti come questi in cui siamo chiamati ad importanti sacrifici dovrebbe essere il buon senso di chi Amministra il Potere a fare in modo di stemperare gli animi soprattutto quando le questioni sono irrilevanti o quasi. Per un solo istante provino a pensare che il Signore multato si sia comportato onestamente come reagirebbero loro davanti a certe accuse ? Grazie per pazienza.

  • 37 | giulio1977 - Messaggi (2) - 28-07-2012 - 05:01h

    signori a me pare tanto chiara la faccenda....senza complicarsi la vita!!Basterebbe che il vigile appoggiasse la mano sul cofano dell auto...se è ancora caldo vuol dire che l auto è appena arrivata,aspetta un paio di minuti(il tempo di fare il biglietto)se arriva il proprietario bene se no multa!!!Parlo di esperienza!!!!!!!!!!!!!!!

  • 36 | minuscola - Messaggi (10) - 27-07-2012 - 23:12h

    L'Illecita generosità l'abbiamo noi che continuiamo a pagare loro lo stipendio ,magari anche sostanzioso, con le nostre tasse .

  • 35 | minuscola - Messaggi (10) - 27-07-2012 - 23:09h

    Ho la netta sensazione per non dire certezza che si stia tentando di generare una guerra tra poveri . Dal punto di vista legale il Signore multato ha dimostrato, con i fatti, che è stato multato ingiustamente .Dall'altra chi Amministra il Potere del controllo sta insinuando che alla base di tutto potrebbe,dico potrebbe, esserci una generosa Signora che ,come la fata Turchina salva Pinocchio dopo di aver combinato una marachella. Mi ero indignato prima e ancor di più sono indignato adesso. Se è vietato cedere il tiket e loro hanno visto il fatto e non hanno multato la Fata Turchina hanno sbagliato e dovrebbero pagare se lo suppongono dovrebbero tacere. Vergogna.

  • 34 | Fabrizio92 - Messaggi (10) - 27-07-2012 - 22:45h

    @Pinopreiano: sìsì, infatti proprio oggi pomeriggio, sopra il mio paesello, mi è parso di...

  • 33 | pinopreiano - Messaggi (127) - 27-07-2012 - 20:36h

    @fabrizio. rileggiti la replica di Scarfone e poi forse comincerai a capire qualcosa di tutta questa storia. A me sembra che sia proprio tu propenso a credere che gli asini volano.

  • 32 | Fabrizio92 - Messaggi (10) - 27-07-2012 - 20:06h

    @Pinopreiano: A proposito ho notato solo ora questa tua frase: "@Mary: potrebbe darsi la signora "generosa" non avesse nessuna macchina da percheggiare: potrebbe avere staccato in fretta il biglietto per dare una mano all'anonimo deluso che è stato capace di spezzare tanti cuori." Ahahahahhahaha ma ti sembra normale?? Una signora non ha la macchina e per gioco si mette ad aiutare le persona a staccare i biglietti, magari anche di tasca propria. Ahahahah belle le tue storielline. Non so se siano più credibili le tue supposizioni o le fiabe dei fratelli Grimm.

  • 31 | Fabrizio92 - Messaggi (10) - 27-07-2012 - 18:46h

    @pinopreiano. Primo: lo dici pure te: non è ammissibile, ma si può pur sempre fare. Vuoi che ti dica anche il codice fiscale e la via dove abita e una sera lo vai a trovare per un caffè?? secondo: non mi pare che sia stato fatto il nome dell'uomo dell'Atb che ha comminato la multa, quindi perchè dovremmo fidarci di lui e non del signore multato?? @Bonfa53. Sai leggere i biglietti dei parchimetri?? c'è scritto che il biglietto ha inizio validità alle 11:01 e termina alle 11:44 quindi la testa la uso sicuramente più di te.

  • 30 | marcoforesti - Messaggi (11) - 27-07-2012 - 14:03h

    Sono davvero sorpreso per alcuni commenti che ho letto. Evidentemente chi li ha postati non si è ancora imbattuto in prima persona nel problema che di fatto esiste e al quale occorre porre rimedio. Scrivo per esperienza vissuta. Non sono “anonimo” perché il mio nome è sempre ben in chiaro, ma non mi scandalizzo se qualcuno preferisce non far pubblicare le proprie generalità. Peraltro gli stessi commentatori non mi pare brillino per chiarezza anagrafica. I “furbetti” ci sono e ci saranno sempre, e se vengono pizzicati vanno puniti, ma questo non autorizza ad affermare che lo siano sempre e comunque tutti. Provate a subire un sopruso e a sentirvi tacciati come “furbetti”… poi ne riparliamo!

  • 29 | pinopreiano - Messaggi (127) - 27-07-2012 - 13:41h

    Di ridicolo in questa storia c'è solo la facilità con cui alcuni soggetti disinvolti abusano della credulità delle anime candide. Spalleggiati da giornalisti che a colpi di titoloni cercano di spacciare autentiche bufale per scoop sensazionali. SENZA PREVENTIVAMENTE FAR CHIAREZZA SULL'ARGOMENTO E SENZA AVER PRIMA ASCOLTATO IN CONTRADDITTORIO TUTTE LE PARTI IN CAUSA. Ma per fare chiarezza un giornale serio dovrebbe mettere al bando anonimati, reticenze e silenzi omertosi. Invece è più spettacolare far leva sul pessimo rapporto che indubbiamente esiste tra utenti e amministrazioni varie (polizia urbana, azienda trasporti ecc.). E fa anche comodo a molti sapere di poter contare su una notevole quantità di persone che ancora sono convinte che una notizia sia vera solo perché stampata da qualche parte. @Mary: potrebbe darsi la signora "generosa" non avesse nessuna macchina da percheggiare: potrebbe avere staccato in fretta il biglietto per dare una mano all'anonimo deluso che è stato capace di spezzare tanti cuori.

  • 28 | tomasotironi - Messaggi (2) - 27-07-2012 - 13:14h

    Ancora una volta l'arroganza del potere ,ritiene che il cittadino è un povero "inbeccille " da noi chi detine il potere sono tutti degli maleducati basta ascoltare i nostri politici, questo non accade in altri paesi nei parcheggi in Sivzzera esite una tolleranza di mezzora prima di fare una multa

  • 27 | Pendolare76 - Messaggi (1) - 27-07-2012 - 12:12h

    Non è che "la generosa signora" ha fatto il biglietto appena visto arrivare il controllore e poi l'ha ceduto (di proposito) al signore, per parargli il ...? non è che forse tanti commercianti della città offrano questo "servizio" per i loro clienti? possibile che non si capisca? leggete tutta la lettera e tutti gli stratagemmi che sono utilizzati, in primis dai commercianti. E' questa la realtà! sveglia! cari giornalisti: andate a vedere come stanno le cose, fate un'inchiesta non sensazionalismo. son mica tutti scemi a 'sto mondo!

  • 26 | LaMary84 - Messaggi (175) - 27-07-2012 - 11:54h

    ma qui si sta finendo nel ridicolo e questi simpatici signori stanno cercando di prenderci pubblicamente tutti per i fondelli!!! Scarfone, ammettiamo che la scusa (neanche tanto bella e buona) della signora generosa sia vera (perchè noi siamo tutti stupidi vero? perchè avrebbe regalato il suo biglietto APPENA comaprato???!!!), l'addetto prepotente, ha verbalizzato la multa UN minuto dopo la stampa del biglietto! non ci sono storie!! ammettete di aver sbagliato e salvatevi la faccia, se ancora c'è qualcosa da salvare....... io devo sentirmi tutelata, e non aver paura di essere fregata perchè "voi potete"... che cavolo di risposta è "le regole son cambiate (??), prendi il tuo biglietto e fai ricorso"???? allora di base, so che quando parcheggio nelle strisce blu posso aspettarmi una multa, anche se pago regolarmente il biglietto, perchè tanto, quel foglietto, non dimostra che l'ho compraro io, per la mia macchina....

  • 25 | jacobg - Messaggi (17) - 27-07-2012 - 11:37h

    @bonfa53: se noti dalle foto il biglietto è stato FATTO, non scaduto alle 11.01; poi ovviamente si può discutere se era suo o meno, ma penso che qui non siamo a fare processi in pubblico come vuole continuare a fare il nostro ormai amico avvocato @pinopreiano sulla base di quello che dice il mittente della mail o il signore dell'ATB visto che non ne abbiamo gli elementi e non spetta a noi farlo. Se mai, secondo me, questa discussione è utile per affrontare il problema dell'arroganza della gente in divisa e/o dei furbetti che per evitare le multe adottano strategie penalizzanti per chi invece paga regolarmente!

  • 24 | c.rota - Messaggi (1) - 27-07-2012 - 11:23h

    A me piacerebbe sapere perchè un posto di sosta a pagamento può essere pagato X volte in contemporanea...or ami spiego: -arriva il sig Rossi alle 9.00 e prende il biglietto per un'ora (scadenza 10.00) -alle 9.15 va già via perchè ha finito in anticipo le commissioni -alle 9.17 arriva il sig Verdi che prende il biglietto anche lui per un'ora per lo stesso posto auto (scadenza 10.17) ma dopo pochi minuti torna e se ne va -alle 9.30 arriva il sig Bianchi che prende il biglietto di 45min per lo stesso posto auto di cui sopra Alla fine del discorso, lo stesso posto auto è stato pagato da tutti e tre i signori per buona parte contemporaneamente, quindi ha reso quasi tre volte la sua rendita in condizioni "normali" di un signolo utilizzatore. Se non è possibile "passarsi" un biglietto non ancora scaduto, perchè non è possibile fare in modo che il tempo di sosta non effettivamente goduto vada rimborsato all'automobilista? Forse per specularci sopra e farci più soldi???????

  • 23 | papo1984 - Messaggi (63) - 27-07-2012 - 11:21h

    per lo stesso ragionamento del " è un illecita generosità" allora rimborsatemi quando mi trovo costretto a pagare per forza per 40/50 minuti minimo quando so che dovrò sostare per solo 5/10 minuti..il mio spazio di parcheggio è "pagato" già per tot tempo quindi siete voi a commettere un illecito "vendendo" lo stesso spazio a più persone contemporaneamente (e se tutti pagano 50 minuti fermandosi 5 vuol dire che il vostro parcheggio è pagato 10 volte contemporaneamente..sommandolo a tutto il giorno con un parcheggio solo avete fatto i soldi di tutti parcheggi della città)..resta il fatto che la spiegazione non regge...biglietto fatto alle 11.01 e multa alle 11.02...il 1 minuto nemmeno Bolt e casanova riescono a far stare in piedi la storia dell'atb...di base continuo a pensare che la multa dovrebbe essere vista come avviso deterrente e non come bancomat di comuni o società private (su spazi pubblici) soprattutto in un periodo come questo dove anche solo 38 euro di multa "rovinano" ancora di più un bilancio mensile già difficile.. quindi se l'ausiliario vede correre fuori tutti a pagare potrebbe far finta di nulla visto che comunque la sua società ha incassato il giusto in quel momento... ma forse come per le ferrovie dello stato gli ausiliari hanno percentuali sulle multe?!?!? comunque fenomeno assoluto è stato il comandante che dichiara "faccia ricordo al giudice di pace che gli verrà tolta la multa da 38 euro", peccato che per fare ricorso ora si paghi 35 euro di apertura pratica..

  • 22 | SERVIZI C.E.C. - Messaggi (2) - 27-07-2012 - 11:17h

    bcvb

  • 21 | Yngvi.IV - Messaggi (5) - 27-07-2012 - 10:43h

    ci sono dei punti molto discordanti: l'anonimo multato dichiara "dopo aver parcheggiato,vado ad avvisarlo che sono appena arrivato e qual è la mia auto. sono alla macchinetta dei biglietti che sto aspettando che una donna faccia il biglietto e aspetto il mio turno" Versione di ATB: "n quel momento, di corsa, esce da una bottega un automobilista che - così è stato dichiarato e verbalizzato - doveva giusto "far moneta" per il biglietto" (notiamo che la cosa è stata verbalizzata) il cittadino dichiara "non essendoci altre auto parcheggiate si sta dirigendo verso la mia" ATB:" Poiché le auto prive di biglietto erano numerose, l'ausiliario ha iniziato col multare la prima della (lunga) serie." qui racconta una gran balla e se effettivamente sul verbale è scritto che il signore usciva da un negozio, la sua lettera è per lo meno menzognera sul fatto di essere corso a fare il biglietto appena arrivato.

  • 20 | ant1960 - Messaggi (1) - 27-07-2012 - 10:23h

    La precisazione fornita dal Direttore dell'ATB non regge assolutamente per il motivo ben spiegato sia da Adriano60 che da Fabrizio92. Che vergogna quando le Istituzioni vogliono abusare del loro potere!

  • 19 | fabert - Messaggi (8) - 27-07-2012 - 10:14h

    agli illeciti segnalati vorrei aggiungere quello di chi in città alta se ne sta comodamente seduto in macchina a leggere il giornale all'ombra degli ippocastani e magari vicino al distributore dei biglietti, pronto a regolarizzare la sua posizione all'occorenza

  • 18 | fagritti - Messaggi (2) - 27-07-2012 - 09:21h

    per bonfa53 anzichè consigliare agli altri di usare la testa basta che tu usi gli occhi e leggi i dati del biglietto e vedrai quanto ha ragione Fabrizio92.

  • 17 | orobik86 - Messaggi (3) - 27-07-2012 - 02:58h

    Per ATB (e Comune): qui a Bergamo avete gran poco da fare i moralisti e i "severi" sulla questione parcheggio e illegalità-furbi. Primo per i costi elevati dei parcheggi. Secondo, e direttamente conseguenziale al primo, considerato che la città di Bergamo NON HA alcun snodo di parcheggio pubblico gratuito in zona periferica o semi-periferica adeguato e collegato con i mezzi alle zone del centro città. Il parcheggio della Malpensata, l'unico a parte un po' quello dello stadio, è totalmente ridotto come dimensioni rispetto a tutta la gente che entra-esce nel cuore della città. Quindi o vi decidete a offrire un servizio adeguato, o Scarfone in primis può evitare (se possiede un minimo di buon senso) di fare tutti questi discorsi e paternali di bassa lega sul senso civico.

  • 16 | corpon - Messaggi (832) - 27-07-2012 - 02:41h

    PER ELIX250 : in verità le forze dell'ordine, hanno l'obbligo,come tutti, di usare le cinture di sicurezza. Sono esentati SOLO nell'espletamento di un servizio di emergenza, ma prova tu a faglielo notare e vedi come si incavolano. Consiglio la visione di questo video: http://www.youtube.com/watch?v=yHwoP5bdojU

  • 15 | trasportoamico - Messaggi (2) - 27-07-2012 - 01:03h

    Risolviamo questo semplice problema inserendo nel ticket il proprio numero di targa oppure numerando il posto del parcheggio auto come fanno all'estero. Se vogliamo davvero educare i soliti furbi: solo che fa comodo mantenere la situazione così com'è!

  • 14 | bonfa53 - Messaggi (1) - 27-07-2012 - 00:32h

    No Fabrizio92, evidentemente il biglietto era SCADUTO alle 11:01, se usi la testa vedrai che arrivi a semplici ragionamenti.

  • 13 | pinopreiano - Messaggi (127) - 26-07-2012 - 23:32h

    @Fabrizio92: "Qui nessuno è tenuto a dire nome e cognome"...qui dove? se all'osteria o al dopolavoro siamo d'accordo. Ma sulle pagine di un giornale, soprattutto se si accusa qualcuno di disonestà, l'anonimato non è ammissibile. Altrimenti ne fa le spese anche l'incauto giornalista che corre il rischio di spacciare per scoop ciò che è soltanto una bufala partorita dalla furbizia di qualcuno.

  • 12 | Fabrizio92 - Messaggi (10) - 26-07-2012 - 22:48h

    Bravissimo Adriano60, per fortuna che ci sono persone che utilizzano la testa e arrivano a semplici ragionamenti.

  • 11 | Fabrizio92 - Messaggi (10) - 26-07-2012 - 22:48h

    Ehm ehm...ma nessuno ha fatto un ragionamento logico e credo che neanche il sig. Gian Battista Scarfone l'ha fatto prima di spiegare come sono andati i fatti secondo il loro punto di vista. Ma vi sembra normale che la multa rilasciata dall'agente fosse alle 11:02 e il biglietto iniziasse la sua validità alle 11:01 e quindi se facciamo un semplice ragionamento vuol dire che secondo quanto raccontato dal direttore dell'Atb, la signora avrebbe preso il biglietto con inizio alle 11:01 e l'avrebbe utilizzato pochi secondi per poi passarlo al signore che ha ricevuto la multa. Ma vi sembra normale?? Una signora che spende soldi per ben 40 e passa minuti di parcheggio e lo utilizza pochi secondi per poi attuare un così grande gesto di generosità nei confronti di uno sconosciuto. Ma che mi facciano il piacere di inventarsi altre scuse. In più il direttore dice: "Dall'altro lato della strada, una generosa signora si offre di cedergli il suo, non ancora scaduto." Ma se il biglietto era appena stato ritirato come fai a dire che "non era ancora scaduto"?? Certo non era ancora scaduto perché era appena stato ritirato e aveva ancora tutta la validità per ben 40 minuti. Su sveglia. Pinopreiano ta ma fet trop gregnà, fa andà la crapa. Qui nessuno è tenuto a dire nome e cognome, e quindi anche il lettore in questione, e questo non vuol dire che abbia torto a priori come pensi te.

  • 10 | helix250 - Messaggi (138) - 26-07-2012 - 22:47h

    @ L. Ronchi, ha ragione. Ma non uso delle cinture è consentito alle Forze dell Ordine dal C.d.S. però l'uso dei cellulari alla guida no. Cari 'vigili' date un'occhiata (ammesso che abbiate veramente occhi per vedere) agli autisti dell'ATB che sono sempre al telefono mentre GUIDANO UN MEZZO PUBBLICO!

  • 9 | Adriano_60 - Messaggi (7) - 26-07-2012 - 22:46h

    Qualcosa non mi torna in questa faccenda, rileggiamo questo passaggio: «In quel momento, di corsa, esce da una bottega un automobilista che - così è stato dichiarato e verbalizzato - doveva giusto "far moneta" per il biglietto. Dall'altro lato della strada, una generosa signora si offre di cedergli il suo, non ancora scaduto. Ecco spiegata la ragione della difformità tra l'orario riportato sul ticket della sosta - fornito dalla signora - e quello della multa - staccata un minuto dopo». Ci credo che il biglietto della signora non era ancora scaduto; è stato validato alle 11:01 e il verbale è delle 11:02. Cioè, per quale motivo questa signora avrebbe dovuto parcheggiare la sua auto, prendere regolarmente il biglietto e, visti i tempi ristretti, non usufruire del parcheggio cedendo il proprio ticket al multato?!

  • 8 | trabuk - Messaggi (362) - 26-07-2012 - 22:45h

    serve maggiore severità in tutti i settori altro che storie...

  • 7 | helix250 - Messaggi (138) - 26-07-2012 - 22:43h

    Secondom il lettore ha fatto il furbo e ben gli sta. Comunque leggo: «La cessione del biglietto - che certamente non offende il buon senso di nessuno - è però vietata. Da chi? Perchè? Se ho pagato per un ora, la sosta in quello spazio pubblico DEVE valere un'ora senza fare trucchetti per fare cassa facilmente.

  • 6 | Commenti via email - Messaggi (204) - 26-07-2012 - 22:36h

    Buongiorno, in merito al tormentone della multa per eccesso di zelo, non voglio entrare nel merito della questione, ma segnalare come soste in divieto dei vigili, non uso delle cinture e uso dei cellulari da parte dei vigili urbani alla guida, d'ora in poi verranno fotografati e spediti al loro comandante, così la finiscono di fare i fenomeni con i poveri cittadini e si renderanno conto cosa significhi pagare 38 euro di multa inutili, in questi tempi! L. Ronchi - Bergamo

  • 5 | bertula - Messaggi (33) - 26-07-2012 - 22:15h

    Caro servizi C.E.C Ovviamente la parte del megafono era ironica! Fa caldo ma ci puoi arrivare ! Inoltre non stiamo parlando di tasse ma di...come dire....oneri,balzelli,partecipazioni, insomma chiamali come vuoi che dovrebbero avere il compito di educare i cittadini all'uso più civile del mezzo. Il concetto di fondo resta però a mio avviso che devono essere percepiti come servizi utili al cittadino stesso e non come "abusi" e "vessazioni" fatte dal "governo ladro" per maltrattarli. Dovrebbero essere quindi impostati in forme e modi che il cittadino possa facilmente interpretare.

  • 4 | pinopreiano - Messaggi (127) - 26-07-2012 - 21:53h

    P.S. naturalmente la volontà dell'anonimato a tutti i costi estesa all'indicazione del luogo del fattaccio non ha certo agevolato l'indagine. Una persona che sia davvero nel giusto nulla tace. Pretende e offre chiarezza. E quando accusa qualcuno ci mette la faccia.

  • 3 | pinopreiano - Messaggi (127) - 26-07-2012 - 21:50h

    Come volevasi dimostrare: lo scontrino esibito - anche dal giornale - come prova inconfutabile era di provenienza aliena. L'anonimo deluso lo ha elemosinato da altri. Ed è stato appurato senza scomodare i RIS come qualcuno ironizzava. E c'è la spiegazione logica dell'orario anticipato. La cosa grave - anche e soprattutto da parte del giornale ospitante - è che nessuno abbia ancora detto che non è lecito accusare altri di agire disonesto pretendendo di nascondersi dietro la maschera dell'anonimato. Le anime semplici sono servite.

  • 2 | SERVIZI C.E.C. - Messaggi (2) - 26-07-2012 - 21:37h

    bertula: ma sei fuori? allora, facciamo così: paghiamo le tasse solo se ci avvisano che fanno un controllo. poi vediamo che razza di servizi tiriamo insieme...

  • 1 | bertula - Messaggi (33) - 26-07-2012 - 21:21h

    Ci sono a mio avviso alcune considerazione da fare. Ovviamente personali. Intanto credo che per chi lavora e deve lasciare tutto il giorno l'auto parcheggiata il costo del parcheggio diventi un problema e si potrebbero allora trovare forme di abbonamento (magari già ci sono) che inducano l'utente ad essere meno "egoista". Se poi capita che qualcuno , all'ultimo momento regolarizzi la sua posizione, be, forse, dato che lo scopo dovrebbe essere quello di incassare il dovuto e non tanto di colpevolizzare l'utente, il risultato è comunque raggiunto. Anzi forse se passando si usasse il megafono si potrebbe fare in modo che gli incassi sarebbero migliori senza peraltro intraprendere una caccia all'evasore. Se poi "l'evasore" che fermandosi per poco è costretto a pagare più del dovuto e, magari, cede lo scontrino ad altri non credo che si tratti di abuso dato che si paga per l'occupazione del parcheggio per un certo tempo e se anche viene condiviso....Come troppo spesso accade certe operazioni vengono viste in modo autoritario ed impositivo e non per quello che realmente dovrebbero essere ovvero servizi per il cittadino !

Oggi in Edicola

al cinema

Vivi Bergamo

SPM
SpecialiSPM
Pubblicità

I Comuni Bergamaschi