Martedì 14 maggio 2013

Casa Integra, alloggi low cost
È in costruzione a Boccaleone

Nel logo di «Casa integra» sono presenti i volti di due persone che dialogano, il fumetto che esce da una bocca ha la forma di casa. Sullo sfondo tante faccine di uomini, donne, giovani, anziani per rappresentare il progetto di housing sociale che è in corso di realizzazione a Bergamo, novità assoluta nella nostra provincia e secondo per importanza in tutta la Lombardia.

«Si tratta della prima iniziativa che intende rispondere al problema della casa con una strategia condivisa tra pubblico e privato, con un approccio realmente integrato che vede inseriti oltre alle abitazioni, spazi commerciali, aree verdi, servizi» spiega Alessandro Santoro, referente del progetto Casa integra, realizzato dalla Fondazione Casa amica, attraverso la società Azzano 2000, il consorzio d'imprese «Costruire abitare futuro», la partecipazione del Comune di Bergamo e il cofinanziamento di Regione Lombardia nell'ambito del «Programma regionale emergenza casa».

Il contributo giunto dal Pirellone ammonta a 2,670 milioni, che finanziano a fondo perduto il 40% del costo di costruzione della quota di alloggi in locazione a canone moderato e il 20% degli alloggi in patto di futura vendita. Il costo dell'intervento raggiunge complessivamente 11 milioni di euro.

La realizzazione, la cui conclusione è prevista per ottobre, è collocata nel quartiere di Boccaleone, nell'area dismessa della ex Flamma. Si tratta di un edificio costituito da due corpi di fabbrica, collegati tra loro, con cinque piani fuori terra e uno interrato. Sono 54 gli alloggi presenti, di varie metrature: 15 bilocali, 32 trilocali e 5 quadrilocali. Il canone di locazione applicato, secondo una convenzione trentennale tra Azzano 2000 srl, Regione Lombardia e Comune di Bergamo, sarà inferiore a 70 euro al metro quadro.

Futuri inquilini di Casa integra saranno famiglie giovani con figli minori; giovani coppie; single under 35 come studenti, anche in convivenza, stagisti, insegnanti, professionisti; famiglie adulte e anziani autosufficienti.

Leggi di più su L'Eco di martedì 14 maggio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata