Claudia ha lasciato l’ospedale Ora inizia un nuovo percorso
La consegna della maglia ai medici di Benevento

Claudia ha lasciato l’ospedale
Ora inizia un nuovo percorso

La ciclista bergamasca rimasta ferita il 6 luglio ha lasciato Benevento diretta in un centro di riabilitazione del Bresciano

Claudia Cretti, la ciclista bergamasca di Costa Volpino rimasta vittima di un grave incidente lo scorso 6 luglio nel Sannio, durante il Giro d’Italia femminile, ha lasciato nella notte tra martedì 1 e mercoledì 2 agosto l’ospedale Rummo di Benevento, per trasferirsi in un centro specializzato di riabilitazione psicomotoria, probabilmente nel Bresciano.

Claudia Cretti

Claudia Cretti

Prima di lasciare l’ospedale, Valentino Villa, presidente della Valcar, la squadra professionistica per la quale corre Cretti, ha consegnato la maglia della squadra.

Ed è stata Laura Bianchi a ringraziare pubblicamente le tante persone che sono state vicine a lei e alla figlia Claudia, a cominciare dai primari dell’ospedale cittadino che hanno operato e curato la ciclista, al personale paramedico, alla Polizia per il tempestivo soccorso dopo l’incidente, al sindaco Mastella, al vicario della questura e ai tantissimi beneventani che «ci hanno fatto sentire a casa nostra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (6) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Tiritiritu
Giandomenico Pinotti scrive: 03-08-2017 - 17:14h
Sono molto felice che tutto stia procedendo per il meglio, sarebbe bello leggere molte più storie così che storie di malasanità!
Edoardo Ogliari scrive: 03-08-2017 - 06:57h
Continua così Claudia. Siamo con te...
marco rota scrive: 02-08-2017 - 19:21h
dai forza ultimo strappo e sarai più forteeeee
Andrea Pontiggia scrive: 02-08-2017 - 18:46h
Penso che riuscire a salvare una vita per giunta nel pieno della sua giovinezza sia una soddisfazione professionale e non solo, impagabile per chi ha compiuto questa impresa, sono papà di una ragazza dell'età di Claudia e immagino l'emozione e la gioia dei suoi genitori a cui mi associo
Vedi tutti i commenti