Rogno: stalking e tentato omicidio In manette 28enne di Endine

Rogno: stalking e tentato omicidio
In manette 28enne di Endine

Ha aggredito una donna con spray urticante, le ha sparato con una pistola ad aria compressa e ha cercato d’investirla con l’auto.

I carabinieri della stazione di Sovere e del Norm di Clusone hanno tratto in arresto un 28enne di Endine Gaiano per stalking e il tentato omicidio di una trentottenne di Rogno, sua conoscente. L’uomo, che aveva già da tempo infastidito la vittima con messaggi persecutori nel pomeriggio di mercoledì 28 ottobre ha aspettato per ore l’arrivo della ragazza sotto la sua abitazione, minacciandola con una pistola ad aria compressa, che ha inizialmente puntato alla testa della vittima per simularne l’esecuzione.

Ne è scaturito un violento litigio, nel corso del quale l’uomo ha esploso due colpi a bruciapelo, fortunatamente senza conseguenze per la pronta reazione della donna, che ha scostato d’istinto il volto dalla traiettoria dei proiettili. L’aggressore è riuscito però a immobilizzare la vittima spruzzandole un prodotto urticante agli occhi, percuotendola al capo mediante un oggetto metallico e tentando successivamente d’investirla con la propria auto. Fortunatamente non è però riuscito nel suo intento: la ragazza, ancora a terra per le irritazioni riportate agli organi visivi e respiratori, è riuscita a rotolarsi lateralmente non appena ha capito che l’uomo stava cercando d’investirla con l’auto. Il 28 enne rintracciato nel corso della notte presso la propria abitazione,è stato trovato in possesso degli oggetti utilizzati nel corso dell’aggressione che sono stati sottoposti a sequestro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (4) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Andrea Pontiggia scrive: 29-10-2015 - 18:29h
10 anni di galera e buttare la chiave
Graziano Rosponi scrive: 29-10-2015 - 18:04h
....durava da un anno....? Ma denunciarlo SUBITO no?
mariozzi bacco scrive: 29-10-2015 - 16:03h
spero che la giustizia italiana tuteli questa donna e la protegga davvero da questo mostro, è andata bene questa volta NON SI DEVE PERMETTERE all'aggressore di poter compiere altre aggressioni. Immagino la paura che potrebbe avere la povera ragazza se dovessero lasciare andare l'aggressore, come purtroppo in Italia spesso avviene
Linke Airoldi scrive: 29-10-2015 - 15:48h
Uomini che non sanno accettare la fine di un amore e pensano di avere diritto di proprietà, di vita e di morte sulle loro compagne. Esseri spregevoli!