Condominio, serve la contabilizzazione Chi non si adegua rischia multe salate
Un panorama di Bergamo

Condominio, serve la contabilizzazione
Chi non si adegua rischia multe salate

Entro il 31 dicembre tutti i condomini con impianto centralizzato sono obbligati a installare sistemi di contabilizzazione del calore: per chi non si adegua sono previste multe da 500 a 2.500 euro.

Il numero di giugno della nostra rivista green «eco.bergamo» - in edicola domenica 5 giugno gratis con L’Eco di Bergamo - ci spiega come e perché dovremo dire addio spesa per il riscaldamento calcolata per millesimi.

L’obbligo della contabilizzazione deriva dal recepimento della direttiva europea sull’efficienza energetica, che intende ripartire la spesa per l’energia termica sulla base degli effettivi consumi misurati per ciascuna unità immobiliare, abbandonando definitivamente la logica della ripartizione millesimale.

Dal momento che questo tipo di intervento può essere effettuato solo con i generatori termici fermi, i giorni lavorativi utili per l’intervento sono circa 120, davvero pochi se si

considera che occorre incaricare un tecnico specializzato per la redazione di una diagnosi energetica dell’edificio e di un progetto che assicuri la correttezza dell’intervento.

Inoltre per tutto il 2016 gli interventi di efficientamento godono ancora di detrazioni fiscali al 65%, mentre a partire dal 2017 queste dovrebbero ridursi al 36%.

L’installazione di un contabilizzatore e di una termovalvola costa in media dagli 80 ai 120 euro per ogni calorifero, più l’installazione del sistema centrale di raccolta e trasmissione dei dati e altri eventuali costi fissi che vanno ripartiti su base millesimale.

Tutti i dettagli e altri consigli per risparmiare li trovate domenica 5 giugno su «eco.bergamo»: chiedete la rivista gratis al vostro edicolante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (2) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
MaurizioRossi
Maurizio Rossi scrive: 05-06-2016 - 02:50h
Obbligo "nella misura in cui sia tecnicamente possibile, efficiente in termini di costi e proporzionato rispetto ai risparmi energetici potenziali "; si prega di finirla con questo terrorismo psicologico.
Daniele Gerdres scrive: 04-06-2016 - 09:27h
è davvero il colmo che in questo periodo di crisi, di difficoltà per le famiglie di far quadrare il bilancio, ci siano sempre queste cavolate inventate dai burocrati di Bruxelles per spillare soldi. oggi come oggi vivere in un condominio è un dissanguamento continuo di inutili spese, che tra l'altro molti non pagano aumentando di fatto gli oneri ai poveri cretini che cercano di essere corretti a scapito del proprio portafoglio. è una follia. io proporrei uno sciopero generale dei pagamenti condominiali perché è l'ora di finirla.
MaurizioRossi
Maurizio Rossi scrive: 05-06-2016 - 02:56h
Per di più ci obbligano ad usare i ripartitori che non rispondono alla direttiva MID necessaria per transazioni economiche. Pregherei i nostri legislatori di mettersi d'accordo con se stessi: da una parte ti dicono che devi farlo, dall'altra ti obbligano a non farlo; credo che ci sia un attacco di schizofrenia.