La ciclabile dal Monterosso al centro Viaggio a ostacoli sui marciapiedi - video
L’arrivo della ciclabile dal Monterosso è sul Sentierone

La ciclabile dal Monterosso al centro
Viaggio a ostacoli sui marciapiedi - video

Le condizioni in cui si presenta la pista ciclabile dal Monterosso al centro di Bergamo sono disastrose. Un viaggio a ostacoli sui marciapiedi, fra indicazioni sbiadite o assenti.

La nostra rivista green «eco.bergamo» in edicola oggi, domenica 5 giugno gratis con L’Eco di Bergamo, prosegue il suo viaggio lungo le più importanti piste ciclabili della città e della provincia.

Quello dal Monterosso al centro potrebbe essere un percorso di riferimento della città, ma le condizioni in cui si presenta sono disastrose. La tipica ciclabile all’italiana verrebbe da dire.

Si tratta di un tracciato lungo poco più di 3,5 chilometri, quasi tutto in lieve discesa. Le criticità però sono molteplici e di diverso tipo. In via Tremana la ciclabile praticamente sparisce fino allo stadio.

Con noi in viaggio sulla ciclabile

Siamo lungo viale Giulio Cesare:ciclabile invasa da auto in sosta

Siamo lungo viale Giulio Cesare:ciclabile invasa da auto in sosta

Poi dallo stadio il percorso si fa più lineare, anche se bisogna affrontare due attraversamenti (semaforici) lungo viale Giulio Cesare. Si scende verso il viale con la ciclabile che corre a filo strada, sulla sinistra: bisogna stare molto attenti, sia alle numerose uscite da garage e distributori di benzina, sia a pedoni e ciclisti. Ma anche alle auto che vengono parcheggiate non raramente proprio sulla pista ciclabile.

Tutti i dettagli su «eco.bergamo»: chiedi una copia al tuo edicolante

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (11) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
francesco ogheri scrive: 09-06-2016 - 17:04h
Trovo l'iniziativa interessante ma sviluppata in modo un po' fine a sè stessa e quindi mi permetto di dare alcuni suggerimenti "utili" per il futuro: dal mio punto di vista sarebbe significativo se in basso o da qualche parte ci fosse un contachilometri e un cronometro sovraimpressi sul video (così da avere un riscontro dei punti critici più agevole); inoltre sarebbe altrettanto utile una semplice slide di apertura e chiusura con la traccia in mappa del percorso fatto); infine se il video-ciclista riuscisse a farsi accompagnare (o semplicemente controllare il filmato) da un tecnico (magari esperto in viabilità ciclopedonale) aiuterebbe a segnalare vizi e difetti (o soluzioni intelligenti e funzionali) in modo più puntuale e corrispondente al codice della strada con il quale chiedere riscontro ai vari enti e comuni (es. modifiche a segnaletica orizzontale / verticale coerenti...) .
Massimo Modica scrive: 06-06-2016 - 06:42h
Le ciclabili? non sono nel nostro dna....niente da fare....qualcuno ha richiamato i paesi nordici in riferimento al comportamento che devono tenere i ciclisti....giustissimo.....ma in realtà avete notato nei paesi del nord com'è organizzato tutto il traffico? Fatevi un bel giretto nelle città del nord e vedrete come cadiamo nel ridicolo
rossi Arturo scrive: 07-06-2016 - 13:26h
Guardate anche al numero di abitanti e alla densità di popolazione per kmq, rispetto a noi, in quei paesi.
mario COLOMBO scrive: 05-06-2016 - 21:53h
Comunque io capisco le ciclabili a bordo strada sulle provinciali ma in città perché pretenderla? Che stiano sulla strada come tutti i mezzi di trasporto seguendo il codice stradale e nn pedonale (come chi attraverso le strisce pedonali) in caso do incidente vice il codice stradale, mn hai indicato che svoltavi col braccio hai torto e paghi, nn perché sei in bici hai ragione. In olanda avranno le ciclabili ma le bici sono a norma e quando si fermano alzano la mano destra (quanti lo sapevano?) e soprattutto nn non messaggiano in movimento!
paolo cunico scrive: 05-06-2016 - 15:00h
ma quale ciclabile al Monterosso? non esiste. dovrebbero costruirla per davvero,con un collegamento tra redona e la pista di valtesse o facendo una parallela tra redona-monterosso-san colombano(che passi ai barbaroi),che sia parallela alla maresana,e da cui possano partire le escursioni verso la maresana
Vedi tutti i commenti