Confindustria: «La buona alternanza» Premiati i ragazzi più bravi negli stage

Confindustria: «La buona alternanza»
Premiati i ragazzi più bravi negli stage

In Confindustria mercoledì 19 novembre sono stati premiati i ragazzi che sono emersi ne «La buona alternanza», ovvero nello stretto rapporto tra scuola e impresa.

Parliamo degli stage che i ragazzi delle scuole compiono nelle aziende bergamasche di Confindustria per farsi un’idea di come sia il mondo del lavoro. È un percorso che hanno già realizzato 7 mila ragazzi e l’obiettivo di Confindustria è di arrivare nel giro di due anni a 20 mila.

Presenti Cristina Bombassei, consigliere delegato Education di Confindustria, e Marina Rodeschini, delegato Education del gruppo Giovani di Confindustria, sono stati premiati 25 ragazzi per la bontà dei loro stage. Ecco il podio: primo Alessandro Falgari (Istituto Pesenti) che ha avuto mille euro come riconoscimento per il suo stage alla Dyeberg, secondo Leonardo Viganò (Istituto Paleocapa, 700 euro; Progettazione stami Sps e Mazzucconi) e terza Paola Magri (Istituto Einaudi, 500 euro; Negri).

«La buona alternanza» in Confindustria

«La buona alternanza» in Confindustria
(Foto by Beppe Bedolis)

Sono intervenuti anche rappresentanti dell’Istituto Pesenti, del Natta e del liceo Mascheroni che, come Confindustria, hanno lodato l’importanza de «La buona alternanza», ma hanno auspicato in futuro una semplificazione burocratica per accedere al progetto.

I ragazzi primi classificati

I ragazzi primi classificati
(Foto by Beppe Bedolis)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare