Franco e il suo «Arlecchino» 50 anni di pizza in Sant’ Anna

Franco e il suo «Arlecchino»
50 anni di pizza in Sant’ Anna

Di certo sono in pochi a non conoscerla e a non essersi mai seduti ai suoi tavoli. L’ Arlecchino, in piazza Sant’Anna, è una delle pizzerie storiche di Bergamo, aperta esattamente 50 anni fa, era il 12 giugno 1967.

Franco Previtali, nativo di Bianzano, classe 1943, fu uno dei primi bergamaschi a credere nella “pizzamania”, dopo che a Bergamo le prime pizzerie erano state aperte da meridionali trapiantati al nord, leggasi “Pio”, “Ciro” e “Mimmo”. Franco Previtali festeggia 50 anni di attività in piena forma, sua e del locale, alla cui conduzione collaborano le figlie Enrica e Francesca, insieme al genero Gianfranco Rotini. Esemplare self-made-man, Previtali non ha frequentato scuole alberghiere, si vanta di avere imparato tutto sul campo, lavorando, al forno delle pizze, al bar, in cucina, in sala, in gelateria. «Sa fare tutto – sostiene la figlia maggiore, Enrica – ma soprattutto ci ha trasmesso l’amore per questo lavoro».

L'esterno per l'estate

L'esterno per l'estate

Previtali ricorda gli inizi: «I primi ristoranti nei quali ho lavorato sono stati la Marianna, il Pianone e il Dell’Angelo quando era nella sede originaria di Borgo Santa Caterina. Ho imparato a fare tutto, in ogni ruolo. Nel 1967 ho deciso di mettermi in proprio ed ho aperto l’Arlecchino in società con un collega, Orazio Lazzari, oggi purtroppo scomparso». A Franco tutti riconoscono grande passione per il suo lavoro, fantasia, simpatia e capacità di comunicare con i clienti. «Sì – ammette – molti dei nostri clienti vengono qui da anni, anche due-tre volte la settimana, intere famiglie che mi dicono di trovarsi bene come a casa loro. Mi fa piacere, così come sono contento dei miei dipendenti, alcuni dei quali sono qui da anni: Rosario, in sala, è qui da ben 40 anni; il pizzaiolo Domenico detto il Baffo da 30».

Cento posti a sedere distribuiti in due sale, altri cento nel giardino esterno, l’Arlecchino ha una clientela numerosa e fedele. La simpatia e professionalità di Franco e di tutti i collaboratori sono garanzia che nel piatto arrivino cibi ben preparati e gustosi, a cominciare dalla pizza e dal fagotto Arlecchino, per proseguire con i celebri gnocchi e risotti, le insalate esotiche, le insalate o i fritti di mare, le grigliate di pesce e per i vegetariani la richiestissima insalata di cereali con le verdure. Per finire il gelato stracciatella, che negli Anni Sessanta fu inventato da Enrico Panattoni alla Marianna e che Previtali e Lazzari, allora suoi collaboratori, hanno subito riproposto nel locale di piazza Sant’Anna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare