Ammiraglia Audi A8 Si guiderà anche da sola

Ammiraglia Audi A8
Si guiderà anche da sola

Dopo il debutto in anteprima all’Audi Summit di Barcellona, la quarta generazione dell’ammiraglia A8 è sempre più «all’avanguardia della tecnica». Il tutto con un nuovo linguaggio stilistico, un innovativo sistema di comando basato su touchscreen e una coerente elettrificazione della catena cinematica. Audi A8 è, inoltre, tra le prime auto di serie al mondo sviluppata per una guida altamente automatizzata.

A partire dal 2018 Audi, infatti, avvierà la produzione di serie di alcune funzioni di guida pilotate come il Park Pilot, il Garage Pilot e il Traffic Jam Pilot. Intanto, il design degli esterni segna l’inizio di una nuova era stilistica per l’intero marchio di Ingolstadt. Il frontale ad andamento verticale con l’ampia griglia single frame e le linee fluide e muscolose esprimono eleganza sportiva, qualità e immagine. La nuova berlina di lusso si impone con una presenza forte, sia nella versione normale, lunga 5,17 metri, sia con la A8 L, che si presenta con un passo più lungo di 13 centimetri. Le proporzioni equilibrate mettono in risalto tutte e quattro le ruote in maniera uniforme. Il profilo muscoloso dei passaruota evidenzia la trazione quattro. La vista laterale è caratterizzata dalla tensione creata dal frontale verticale in sinergia con il posteriore leggermente inclinato. L’ammiraglia sfoggia di giorno come di notte i nuovi proiettori a Led Matrix HD con luce laser Audi e la fascia luminosa a Led in combinazione con i gruppi ottici posteriori dotati di tecnologia Oled. Rispetto al modello precedente, entrambe le varianti di carrozzeria puntano su un significativo aumento della lunghezza. L’offerta di equipaggiamenti e materiali è ampia e diversificata, ad ogni dettaglio viene dedicato il massimo livello di perfezione artigianale, dalla punzonatura dei rivestimenti dei sedili alle alette controllabili elettricamente delle bocchette dell’aria.

A bordo c’è anche il sedile relax opzionale di A8 L, dotato di numerose possibilità di regolazione e di una seduta dove il passeggero può farsi riscaldare e massaggiare a più livelli le piante dei piedi appoggiandole allo schienale del sedile del passeggero anteriore. I nuovi appoggiatesta comfort completano l’esperienza. I passeggeri posteriori hanno a disposizione numerose funzioni quali illuminazione ambiente, le nuove luci di lettura Matrix HD e il sedile massaggiante, tutte controllabili mediante un’unità di comando individuale, oltre ad avere la possibilità di fare telefonate con il Rear Seat Remote con display Oled, grande quanto uno smartphone ed estraibile dall’appoggiabraccia centrale dove è alloggiato.

Grazie al nuovo comando vocale il conducente è in grado di attivare numerose funzioni. Le informazioni relative a destinazioni e media sono disponibili a bordo oppure vengono inviate tramite il cloud a velocità LTE. L’offerta ampiamente diversificata di Audi connect comprende, oltre ad informazioni su segnaletica e possibili pericoli, anche innovativi servizi Car-to-X che si avvalgono dell’intelligenza collettiva della flotta Audi. Un’ulteriore innovazione è la navigazione, ottimizzata sotto molti punti di vista, che apprende in autonomia, sulla base di itinerari già percorsi, ed offre quindi al conducente proposte alternative intelligenti. La mappa integra inoltre modelli in 3D estremamente dettagliati delle metropoli europee.

Audi A8 è stata sviluppata per una guida futura altamente automatizzata. Per esempio, ad assumersi il compito di guidare, su autostrade e strade nazionali con corsie di marcia separate da una barriera, nel traffico congestionato fino a 60 km/h, è Audi AI Traffic Jam Pilot, un sistema che si attiva con il tasto AI sulla consolle centrale. Il Traffic Jam Pilot si occupa di gestire partenza, accelerazione, sterzo e freni, evitando al guidatore di dover controllare continuamente l’auto. In altre parole, in conformità con le disposizioni nazionali vigenti, il conducente può togliere le mani dal volante per un periodo prolungato e dedicarsi ad un’altra attività che sia supportata dalla vettura, come per esempio seguire la Tv di bordo.

Audi AI Remote Park Pilot e Audi AI Remote Garage, poi, controllano autonomamente A8, sotto la supervisione del conducente, per parcheggiarla dentro uno spazio o in un garage. Non è tuttavia necessaria la presenza del conducente a bordo della vettura: infatti il sistema può essere attivato tramite smartphone grazie alla nuova myAudi App. Per monitorare le manovre di parcheggio basta tenere premuto il pulsante Audi AI visualizzando sul display un’immagine dal vivo delle telecamere perimetrali della vettura. Il sistema funziona sia quando si parcheggia l’auto sia quando questa viene ritirata. Nuova A8 debutta sul mercato tedesco con due potenti motori turbo V6 ulteriormente ottimizzati, un 3.0 TDI e un 3.0 TFSI. Il propulsore Diesel eroga 210 kW (286 CV), quello a benzina 250 kW (340 CV). Due otto cilindri, un 4.0 TDI da 320 kW (435 CV) e un 4.0 TFSI da 338 kW (460 CV), verranno introdotti in un secondo momento. Tutti i motori utilizzano un alternatore-starter a cinghia (RSG) che rappresenta il cuore della rete di bordo da 48 volt. La tecnologia mild-hybrid (MHEV, mild hybrid electric vehicle) consente la marcia per inerzia (coasting) a motore spento e provvede a un riavvio all’insegna del comfort. Ai motori è inoltre abbinata una funzione start/stop più ampia e di un sistema ad elevato recupero di energia fino a 12 kW.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare