SsangYong Rexton debutta al Salone di Francoforte

SsangYong Rexton debutta
al Salone di Francoforte

SsangYong Motor Company commercializzerà anche in Europa il nuovo Suv Rexton il prossimo autunno dopo l’anteprima al Salone di Francoforte (14-24 settembre). La nuova generazione, in attesa della prova su strada, presenta importanti novità sul piano della qualità e della tecnologia per tutto il brand.

Il debutto della nuova vettura è stato commentato così da Johng-sik Choi, Ceo di Ssangyong Motor: «A brevissima distanza dal lancio di Tivoli, con cui abbiamo imposto nuovi standard nel segmento dei Suv compatti di fascia economica, il nuovo Rexton è un’ulteriore dimostrazione del processo di rigenerazione che sta attraversando il brand dopo gli ingenti investimenti fatti da Mahindra. Si tratta della prova tangibile della nostra rapida evoluzione a brand mainstream e azienda specializzata nella produzione di Suv e 4x4».

Rexton è la nuova proposta della sempre più evoluta gamma Ssangyong. Segue, infatti, all’introduzione di Tivoli (2015) e XLV (2016) e persegue l’obbiettivo dell’azienda di aggiungere un nuovo modello ogni anno per i prossimi tre, tra cui una variante pickup derivata da Rexton in arrivo nel 2018. Oltre alla progettazione sempre più aderente alle necessità e ai gusti europei, gli sforzi dell’azienda si sono inoltre concentrati sulla creazione di nuove opportunità di crescita con lo sviluppo di veicoli elettrici ed ecologici.

I progressi rispetto al modello precedente sono evidenti e la nuova generazione è già stata accolta molto bene sul mercato coreano. La nuova vettura ha il carattere di una ammiraglia con un design spiccato, interni raffinati e una dotazione a bordo che la pone ai vertici della categoria per completezza, comfort e sicurezza attiva e passiva. Ulteriormente affinate anche silenziosità e guidabilità grazie all’uso di acciai speciali nella produzione della vettura. Il nuovo Rexton per i mercati europei verrà lanciato in occasione della IAA di Francoforte e sarà disponibile nelle concessionarie italiane a partire da metà ottobre 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA