Atalanta fuori dalla Coppa a testa alta La Juventus in casa non perdona: 3-2

Atalanta fuori dalla Coppa a testa alta
La Juventus in casa non perdona: 3-2

L’Atalanta ci ha creduto fino alla fine, rincorrendo un pareggio che sembrava impossibile a fine primo tempo, sotto di 2-0. Nemmeno con il cuore è riuscita a recuperare lo svantaggio contro una Juventus che in casa si conferma implacabile.

I nerazzurri non hanno mollato nonostante un secco 2-0 subìto nel primo tempo con un Dybala stratosferico e il cecchino Mandzukic. Prima Konko e poi il giovanissimo Latte, altro prodotto dell’inesauribile vivaio atalantino, hanno fatto sperare i 100 tifosi arrivati da Bergamo e le migliaia che hanno seguito la gara in tv. Decisivo il rigore messo a segno da Pjanic proprio nel momento della riscossa nerazzurra. L’Atalanta saluta la Coppa: per il sogno europeo ora servirà un girone di ritorno tanto sorprendente quanto quello di andata.

SECONDO TEMPO

48’ - Niente da fare. L’Atalanta esce sconfitta dallo Juventus Stadium, ma a testa alta.

39’ - Tiro di Petagna, Neto para in due tempi.

37’ - Gasperini gioca la carta Gomez.

36’ GOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOLLLLLLLL DELL’ATALANTA. A segno il giovanissimo Latte (classe ’99), un altro prodotto del vivaio nerazzurro.

30’ - Rigore per la Juve: sul dischetto va Pjanic che non sbaglia.

27’ - GOOOOOOOOOOOOOOOOOOOLLLL DELL’ATALANTA. Konko accorcia le distanze con un bellissimo tiro che si insacca vicino all’incrocio dei pali.

20’ - Parata decisiva di Berisha su tiro improvviso di Rincon. L’arbitro però non assegna l’angolo e i giocatori juventini protestano.

15’ - Dentro Latte, fuori Grassi.

6’ - Petagna bloccato dalla difesa bianconera. Era in buona posizione per calciara, ma ha tergiversato.

3’ - Il secondo tempo è iniziato così com’era finito il primo. Juventus in attacco, Atalanta in affanno.

1’ - Dentro Konko, fuori Kurtic.

PRIMO TEMPO

41’ - Ci prova D’Alessandro, murato da Rugani.

40’ - Conclusione molto pericolosa di Mandzukic. Palo sfiorato.

34’ - Raddoppio della Juventus. Come in campionato: Mandzukic quando vede le maglie nerazzurre è implacabile. Si presenta davanti a Berisha e lo trafigge con un tiro imprendibile.

24’ - Sinistro di Petagna da fuori area: Neto blocca senza problemi.

22’ - Gol della Juventus. Coordinazione perfetta di Dybala che da fuori area trova un sinistro micidiale.

16’ - Palo di Mandzukic! L’attaccante bianconero si getta sul pallone e tenta la rete con un colpo di pancia, ma trova il palo.

10’ - Colpo di testa di Petagna alto.

1’ - Pronti, via: Grassi impegna Neto con un bel tiro. Atalanta in campo senza timori.

Juventus: Neto; Lichtsteiner, Barzagli, Rugani, Asamoah; Rincon, Hernanes, Marchisio; Pjanic, Mandzukic, Dybala.

Atalanta: Berisha, Toloi, Caldara, Masiello; Conti, Grassi, Freuler, Spinazzola; Kurtić; Petagna, D’Alessandro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (23) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Luca Gualandris scrive: 12-01-2017 - 15:16h
Vero che Lichtsteiner si è fermato ad aspettare il fallo nn facendo nulla per stare in piedi ma l'errore è tutto di D'Alessandro..
Luca Gualandris scrive: 12-01-2017 - 14:30h
il tempo di recupero dipende anche da fattori come gol, interruzioni massaggiatori,ecc..oltre che per le sostituzioni (leggere regolamento) onn è vietato perder tempo alla bandierina ma svenire quando arriva un'avversario (che fa notare la cosa e viene ammonito a differenza di chi pochi minuti prima fa fallo su ripartenza e da dietro, questo si da sanzionare sempre da regolamento) come detto, c'era anche un rigore nn dato alla Juve. Il mio intervento era chiaro e parlava quanto alla fine si siano viste queste situazioni che creano solo tensione e nervosismo e non influiscono il risultato. Saluti
Luca Gualandris scrive: 12-01-2017 - 12:06h
Non ho visto primo tempo, dove mi dicono la juve meritasse e c'era anche un rigore..però non posso far notare che nel finale c'è stata la solita sottomissione da parte dei "giudici" ..vediamo simulazione loro fuori area (senza ammonizione), pallone fuori di mezzo metro nn visto, un tocco di mani (involontario naturalmente), perdita tempo al corner e svenimento se sfiorato.. ma voi direte cose soggettive. Ok, allora spiegatemi perché nel secondo tempo con 3 gol e 6 sostituzioni il tempo di recupero è stato di soli 3 minuti!! Nn si pareggiava o vinceva cmq, nulla di eclatante ma che fa molto innervosire..
luigi.cozzini
luigi cozzini scrive: 12-01-2017 - 12:44h
Anche il fallo su sturaro non fischiato nel secondo tempo, il fallo di mano che lei dice é avvenuto dopo che Barzagli aveva toccato con il piede e poi gamba la palla e in un secondo momento rimpallata sulla mano, per le perdite di tempo vicino alla bandierina dell'angolo quando lo fa l'atalanta quando vince va bene, quando lo fanno gli altri non va bene? Mi spieghi gli svenimenti, non mi sembra sia contemplato il recupero in caso di gol nel regolamento, se le cose le diciamo diciamole tutte però.
Ignazio Cottafava scrive: 12-01-2017 - 13:22h
Francamente la Juve ieri avrebbe potuto chiudere il primo tempo con un risultato di 4-0. Due occasioni fallita da Madzukiv praticamente a porta vuota. Poi bisognerebbe considerare un rigore nettissimo su Dybala. Con quel risultato, non credo che l'Atalanta avrebbe potuto anche solo immaginare un tentativo di recupero. Lamentarsi per 2 minuti in meno di recupero è ridicolo. Se non è involontario il tocco di mani di Lichsteiner, be', di involontario allora non c'è nulla.
luigi.cozzini
luigi cozzini scrive: 12-01-2017 - 14:36h
Errore mio, non era Barzagli ma lichsteiner, mi ero confuso, grazie sig. Cottafava per la precisazione.
Giuseppe Bordogna scrive: 12-01-2017 - 11:24h
La coppa italia è strutturata in modo da favorire le solite note. Per me le squadre di medio calibro dovrebbero boicottala .
Ignazio Cottafava scrive: 12-01-2017 - 13:15h
Non è facile nemmeno per le favorite, perchè è una partita che va disputata sempre come se fosse una finale. C'è solo un piccolo vantaggio per chi gioca in casa, nulla di più, ma l'Atalanta, ieri, volendo avrebbe potuto fare l'impresa.
Giuseppe Bordogna scrive: 12-01-2017 - 15:26h
E' anche vero quel che lei dice, sig Cottafava, sta di fatto che l'Atalanta per arrivare alla partita di ieri sera ho dovuto affrontare altri sconti con pari grado,es Pescara ( a prescindere dall'attuale classifica ). Quanto meno sarebbe più giusto un incontro su campo neutro oppure andata/ritorno . Parere personale .
Vedi tutti i commenti