Mondiali di calcio per ragazzi down L’Italia è campione del mondo – Video

Mondiali di calcio per ragazzi down
L’Italia è campione del mondo – Video

L’Italia è campione del mondo e lo è diventata con merito, dopo aver battuto nella partita decisiva i padroni di casa portoghesi con un roboante 4 a 1. A Viseu, in occasione dei Mondiali FIFDS, riservati ai ragazzi affetti dalla sindrome di Down, i nostri sono stati super, una Nazionale guidata in maniera sagace dall’accoppiata Signoretto-Oldani.

Battuti due volte i messicani (11 a 3 e 8 a 2 i risultati delle due partite), gli azzurri, dopo il pareggio nella gara inaugurale contro il Portogallo (4 a 4), si giocava tutto nella partita decisiva contro il lusitani, vinta con un primo tempo da fantascienza che ha visto Carmelo Messina e compagni portarsi sul parziale di 4 a 0, prima di amministrare da squadra vera il risultato acquisito, lasciando ai vicecampioni solo la gioia del goal della bandiera sul finale di partita.

Oltre al titolo mondiale, il primo indetto dalla FIFDS, l’Italia torna dal Portogallo con il miglior portiere (Francesco Leocata) e il miglior marcatore (Luca Magagna).

Il referente tecnico Roberto Signoretto esprime così la sua gioia: «Che bello vederli giocare a calcio! Una soddisfazione per tutto lo staff vedere come i ragazzi sono stati in grado di mettere in campo quello che è stato fatto negli allenamenti! Vincere il mondiale è stata la classica ciliegina sulla torta, un’emozione immensa ma, soprattutto, un evento che garantirà l’ulteriore sviluppo al movimento calcistico riservato ad atleti con sindrome di Down. I ragazzi sono stati magnifici, il gruppo unito fin da subito alla ricerca di un risultato importante, che ci eravamo prefissati alla vigilia e che siamo riusciti con forza a raggiungere. Sono orgoglioso dei miei ragazzi».

Ecco i nomi dei campioni del mondo: Francesco Leocata, Marco Fasanella, Luca Magagna, Davide Vignando, Cristian Palaia, Simone Di Giovanni, Carmelo Messina, Marco Sfreddo, Matteo Simoni, Riccardo Piggio, Amedeo Alessi, Luca Casciotti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA