Spinazzola e il futuro dell’Atalanta Ma quanto è indispensabile per Gasp?
Leonardo Spinazzola

Spinazzola e il futuro dell’Atalanta
Ma quanto è indispensabile per Gasp?

Costerà cara ai nerazzurri l’ormai più che prevedibile partenza di Spinazzola? In teoria molto...

È indubbio che parte importante del successo della scorsa stagione è passato attraverso la prorompente spinta di Conti su una fascia e di Spinazzola sull’altra. Un’invenzione tecnico-tattica dello stratega Gasperini. Venendo meno la «magica» accoppiata è lecito chiedersi come andrà a finire. Ancora di più se si pensa che i neroazzurri avranno un duplice impegno in campionato e in Europa League, senza contare la Coppa Italia. D’altro canto, al di là della ferma volontà del club bianconero di anticipare di un anno il rientro a Torino (dribblando così il contratto), c’è anche il decisivo ok del giocatore, d’accordo nel raggiungere subito i compagni pluridecorati.

E trattenere atleti controvoglia, si sa, non può che essere controproducente. Certo, l’aver riportato a Bergamo Marten De Roon è consolante, ma in questo caso si è sopperito a un «vuoto» a centrocampo. Se il team piemontese non si fosse ingolosito, strada facendo, e non avesse deciso di stringere i tempi su Spinazzola, tutti avremmo brindato con uno spumante di marca al mercato estivo nerazzurro. Ora, invece, dovremo attendere i prossimi sviluppi con le orecchie ben tese all’evolversi delle contrattazioni, e se Spinazzola dovesse andarsene, al «peso» del suo sostituto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (7) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Domenico Pasqualini scrive: 14-08-2017 - 10:29h
Indipendentemente dal fatto che il contratto parli diversamente trattenere un giocatore che manifesta anch'esso l'intenzione di rientrare un anno prima sia controproducente per tutti, allenatore e spogliatoio compreso. Pertanto bene fa' la dirigenza dell'Atalanta a negoziare una trattativa di chiusura anticipata del contratto come da protocollo (penso che Percassi in questo campo sia secondo a pochi se non addirittura a nessuno). In ogni caso un in bocca al lupo ad un giovane promettente, certi che l'attuale Atalanta farà comunque un'ottima stagione.
romano gambirasio scrive: 14-08-2017 - 08:05h
Speriamo che la juve si accontenti "solo" di prendere Spinazzola, perché visto il disastro della sua difesa di ieri sera contro la Lazio, non ci venga a chiedere come ha fatto per Spinazzola, il rientro anticipato a Torino, anche di Caldara. Ovviamente il tutto per la Juve non è a costo zero...... Se la DEA non avesse dovuto disputare l' Europa League non ci sarebbero stati dei problemi ad accontentare la Juve, certo che anche noi prima di "mollarlo" dobbiamo trovare il degno sostituto. Ho sempre avuto fiducia in Gasp, e di sicuro troverà come sempre la soluzione. Forza DEA, facciamo fuori subito Roma e Napoli nelle prossime due partite di campionato, per dimostrare subito la nostra volontà di vittoria!
Gery72
Pierangelo Ruggeri scrive: 13-08-2017 - 23:43h
ma non esisteva un "contratto"? ... complimenti comunque !!! contento lui di fare panchina nella rubentus...
Francesco Daminelli scrive: 13-08-2017 - 21:47h
Ci sono due ragioni per cui credo che questo episodio possa essere foriero di sventura: 1) Gasperini credeva nel giocatore e credo che questa separazione dispiacerà al Mister almeno quanto Spinazzola avrà a pentirsene. 2) Il rapporto di fiducia tra le due società risulterà incrinato. Questi "prestiti di valorizzazione" sono dei favori reciproci che possono funzionare solo finché le clausole del matrimonio vengono rispettate, o almeno andrebbe prevista una generosa indennità per ottenere la separazione anticipata.
Vedi tutti i commenti