Bergamo è come un binario morto: ogni giorno al massimo 2 treni merci

Bergamo è come un binario morto:
ogni giorno al massimo 2 treni merci

I due scali merci attualmente attivi nel bacino bergamasco - quello di Bergamo e quello di Verdello, collegato alla Dalmine Tenaris - movimentano al massimo da uno a due treni al giorno.

Un numero basso, che anche gli esperti giudicano irrisorio, per una provincia industrializzata come quella di Bergamo.

A rivelarlo è la nostra rivista dedicata all’ecologia e alla green economy «eco.bergamo» che nel numero in edicola domenica 7 maggio, gratis per i lettori de L’Eco di Bergamo ha analizzato i dati del traffico treni merci nella Bergamasca registrati da Rfi (Rete ferroviaria italiana) fra febbraio 2016 e gennaio 2017.

Dati che tengono presente non solo i convogli movimentati da Mercitalia logistisc, il polo di società del gruppo Ferrovie dello Stato che si occupa di traffico merci, ma anche quelli di tutti gli altri operatori italiani e stranieri attivi in Italia.

Sulla tratta Treviglio-Verdello, per esempio, a febbraio sono stati 48 i treni movimentati
oltre ai 20 sulla Verdello-Bergamo. Fino a giugno 2016 si sono mantenuti stabili per poi iniziare a calare e ad attestarsi, nel gennaio 2017, a 38 nella tratta Treviglio-Verdello e 9 su quella Verdello-Bergamo, a conferma che sta influendo negativamente l’insicurezza sulla destinazione del nuovo scalo merci di Bergamo (che dalla città dovrà spostarsi per la fine del 2017).

Che il traffico merci nella Bergamasca sia basso lo conferma anche l’esperto Rocco Giordano, direttore della rivista “Sistemi di logistica”, che ha partecipato alla redazione del Piano nazionale della logistica. Giordano giudica “irrisori” i dati sul traffico merci registrati da Rfi e, a suo dire, sono la conferma che il Gruppo FS «sta orientando sempre più al di fuori della Bergamasca il traffico delle merci su binari».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 6 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (4) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
wbenzoni
valter benzoni scrive: 06-05-2017 - 12:50h
Colpa di amministratori che, negl'anni, son stati ciechi inetti e incapaci!!!
angelocer97.3513109517
Angelo Francesco Cereda scrive: 06-05-2017 - 13:41h
Mi scusi signor Valter, probabilmente Lei ha ragione, ma servirebbe qualche prova di quello che dice. Non me ne voglia, ma una dichiarazione simile deve avere un qualche riscontro oggettivo. Grazie
fertram
Maurizio Lussana scrive: 06-05-2017 - 15:35h
In Democrazia - all'Italiana - non ci sono mai colpevoli....COLPEVOLI da oltre... 50anni, !!! tanti al cimitero e altri VIVI e VEGETI... ricordate il CENTRO SINISTRA ? i GOVERNI BALNEARI ? la DESTRA , la SINISTRA la demoniaca cristiana ....acqua passata non macina più....ed eccoci in questa situazione.
Fabio.Fretti
Fabio Fretti scrive: 06-05-2017 - 12:25h
Purtroppo è la dura realtà... i disoccupati si sognano ancora il famigerato Interporto di Montello, mentre tutti erano e sono d'accordo con la Tangenziale Sud prima e con la Tangenziale di Verdello da fare poi. Forse se riproponessero le locomotive a CARBONE troverebbero più supporto :-) :-P
Eugenio Roncelli scrive: 06-05-2017 - 08:02h
Lo scalo di Bergamo è inviso a tutti ed in regime di proroga. Quello di Verdello ha contro i sindaci dei paesi limitrofi. Quello di Montello è ormai morto e sepolto. In compenso a Melzo ce n'è uno grande e comodo. Quindi gli operatori si regolano di conseguenza: il "NO" a tutto porta a queste conseguenze
angelocer97.3513109517
Angelo Francesco Cereda scrive: 06-05-2017 - 13:38h
ci può dare qualche informazione in più, soprattutto riguardo Verdello Grazie
fertram
Maurizio Lussana scrive: 06-05-2017 - 07:10h
...Basta percorrere le strade Provinciali, Nazionali e le AUTOSTRADE per rendersi conto che in LOMBARDIA e nel resto della REPUBBLICA TUTTE le MERCI sono movimentate da AUTOTRENI, CAMION, T.I.R. ...le lobby della gomma hanno spudoratamente la supremazia - solo in ITALIA - sulla ferrovia.
angelocer97.3513109517
Angelo Francesco Cereda scrive: 06-05-2017 - 13:44h
Vero quello che dice. Grazie
Stefano Lussana scrive: 06-05-2017 - 14:09h
Lobby che hanno sempre più targa straniera, dell'est stranamente.