Provocano incidente a Martinengo Poi aggrediscono i carabinieri: denunciati

Provocano incidente a Martinengo
Poi aggrediscono i carabinieri: denunciati

Nella notte tra domenica 16 e lunedì 17 luglio i carabinieri della stazione di Martinengo hanno arrestato in flagranza di reato un marocchino 26enne di Ghisalba per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Insieme a lui è stato denunciato a piede libero per rifiuto di sottoporsi all’alcoltest ed oltraggio a pubblico ufficiale un suo connazionale, un 30enne residente sempre nella Bassa bergamasca. I due, a bordo di un mezzo, sono finiti fuori strada. Secondo i militari l’incidente è stato provocato verosimilmente dal relativo stato di alterazione psico-fisica derivante all’assunzione di alcol. Una volta fermati, i due hanno iniziato ad inveire contro i militari dell’Arma. Accompagnati in caserma entrambi i marocchini non si sono fermati: il 26enne avrebbe addirittura tentato più volte di aggredire fisicamente i Carabinieri, finché non è stato immobilizzato e dichiarato in stato di arresto. Denunciato invece in stato di libertà il connazionale, rifiutatosi tra l’altro di sottoporsi alla prova alcolimetrica.

L’arrestato, su disposizione del PM di turno, è stato quindi ristretto presso le camere di sicurezza della Compagnia CC di Treviglio, in attesa dell’udienza di convalida prevista per la mattinata di lunedì davanti al Tribunale di Bergamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (8) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Daniele Gerdres scrive: 17-07-2017 - 20:56h
ma avete ancora voglia di commentare?
Gery72
Pierangelo Ruggeri scrive: 17-07-2017 - 17:59h
liberi di fare quello che vogliono...
Alessio Finazzi scrive: 17-07-2017 - 15:37h
esistono navi che vengono ma anche che vanno, più che il foglio di via che viene usato come cartaigienica sarebbe meglio un bel imbarco forzato
giovanni calzaferri scrive: 17-07-2017 - 14:55h
Provate ad aggredire ripetutamente un poliziotto del regno del Marocco...... E' da queste cose che si misura lo spessore e la serieta' di una nazione.
Vedi tutti i commenti