Continua la sosta selvaggia allo stadio Ben 117 multe alle auto in divieto

Continua la sosta selvaggia allo stadio
Ben 117 multe alle auto in divieto

L’Atalanta fa festa, i tifosi automobilisti meno. Sono oltre un centinaio circa le multe rilasciate per autovetture in sosta selvaggia, appena oltre la Ztl dello stadio.

In tuto sono state comminate 117 sanzioni, dato fornito dalla Polizia locale di Bergamo nella serata di domenica 19 marzo. Quasi cinque anni fa, per combattere il problema del traffico attorno allo stadio, era stata infatti varata dal Comune la Zona a traffico limitato temporanea. Tradotto: quando l’Atalanta disputa una partita casalinga, due ore prima l’inizio della gara e fino a mezz’ora dopo la sua conclusione, non si può transitare nel quadrilatero compreso tra Borgo Santa Caterina, via Baioni, via Pinetti e la Circonvallazione Plorzano. La sensazione però è che il problema della viabilità si sia ora spostato nei varchi appena oltre la Ztl. E questo nonostante la stessa Ztl sia stata accompagnata dall’iniziativa «Dai un calcio al traffico», con servizi Teb e Atb gratuiti ai possessori dell’abbonamento per la stagione calcistica o del biglietto della partita.

I bus a fine match sono sempre carichi, ma evidentemente resta difficile cambiare la mentalità di tutti: parcheggiare nelle aree di sosta gratuita al cimitero, alla Celadina, in Malpensata, a Colognola, all’Auchan, in via Goethe, alla Croce Rossa, in viale Europa e poi aspettare il pullman per la seconda parte del tragitto, è definito da molti «un processo scomodo e troppo lungo».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 20 marzo 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (9) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
makone
Marco Festa scrive: 02-05-2017 - 12:19h
Risiedo nella zona stadio e vi assicuro che 117 sanzioni sono un decimo delle reali macchine in divieto durante la partita: occupano marciapiedi, aiole, passi carrai; te le trovi in curva, sulle rampe d' accesso alla circonvallazione, sugli spartitraffico e sulle rotonde. E non solo nella ZTL, ma ovunque attorno: Via Tito Livio, Via Legrenzi, Via Bronzetti...... solo per citarne alcune. Un assedio di maleducati e ignoranti!
francesca ortolani scrive: 20-03-2017 - 21:40h
Proporrei a Stefano Zenoni, residente o ex residente della zona, di istituire una vera e bella ztl h24 di 1,5 km di raggio con passaggio dei soli residenti. Insomma, nonostante tutto io le tasse comunali e l'IMU le pago al comune di Bergamo. Tra l'altro, e sono andata a ricontrollare, confermo che oggi la ztl è in vigore due ore prima del fischio d'inizio e mezz'ora dopo il termine della partita; via Tito Livio dovrebbe essere all'interno della ztl e non lo è mai stata (e qui la polizia locale sembra ignorare l'ordinanza). Termino con un'osservazione: nel 1922 la gente allo stadio veniva a piedi, al massimo forse col carretto.
MASSIMILIANO VANONI scrive: 20-03-2017 - 13:24h
in italia nel 90% dei casi e' meglio reprimere che spendere i soldi delle tasse per educare. Nei centri commerciali andrebbero multate le auto parcheggiate alle uscite/entrate, che non rispettano i vincoli di sicurezza. Ma li ci sono ingenti guadagni e la clientela ha sempre ragione....l'unico colpevole e' lo Stato assente nel dare ma presente nel prendere. Per comodita', invece, a volte punisce, a volte assolve.
fabius1
fabio cattaneo scrive: 20-03-2017 - 10:36h
Invece di spendere una marea di soldi per attualizzare sto rottame di stadio si poteva proseguire con i progetti che lo volevano fuori città. Meno casino per tutti......ma gli interessi dei soliti noti hanno prevalso ......ed ecco ..i lamentoni.....volete la botte piena e la moglie ubriaca
RosannaVavassori
Rosanna Vavassori scrive: 20-03-2017 - 13:18h
Non c'è mai stato alcun progetto per spostare lo stadio fuori città. Anzi, non è mai nemmeno stato previsto in alcun piano regolatore, dal 1922 ad oggi......Lo stadio è stato effettivamente costruito fuori città, appunto nel '22. Poi qualche geniale sindaco ha deciso di piazzarci tutto bene intorno tanti bei condomini. Chi ha comperato casa attorno allo stadio sapeva benissimo DOVE stava comperando ed ora pretendono cosa, che gli si metta le rotelle sotto o i palloncini sopra per spostarlo o farlo levitare? Dei problemi dei residenti che prima comperano e poi si lamentano di quel che c'è a fianco me ne infischio.
makone
Marco Festa scrive: 02-05-2017 - 12:23h
Signora Vavassori lo stadio può restare benissimo dov'è ...il parcheggio selvaggio non è però contemplato. E se lei se ne infischia mi sa che è una di quelle che parcheggia in quel modo.
Vedi tutti i commenti