Orsacchiotti rosa? No, è droga «La nuova bufala che corre in WhatsApp»

Orsacchiotti rosa? No, è droga
«La nuova bufala che corre in WhatsApp»

Un allarme che si sta diffondendo rapidamente tramite WhatsApp nei famigerati gruppi dei genitori. «Qualcuno sta regalando delle caramelle a forma di orsacchiotti rosa ai bambini. Ma quelle non sono caramelle: è droga!» si legge nei messaggi.

Sembra incredibile ma qualcuno ci sta credendo e il messaggio è stato condiviso ovunque. Quindi secondo Internet davanti ad ogni scuola ci sarebbero uno o più spacciatori che regalano droga ai bambini. Una fake news o bufala, se preferite, eppure su WhatsApp e su Facebook ci sono persone che raccontano di aver «ricevuto informative» dalle forze di Polizia. Oppure che riportano la testimonianza di un genitore che avrebbe visto quelle caramelle rosa a forma di orsacchiotto all’uscita dalla scuola.

La stessa identica foto viene utilizzata per avvertire gli utenti inglesi dello stesso pericolo. Pare che la paura per le caramelle di droga si sia diffusa dopo un caso di intossicazione di alcune ragazzine britanniche di tredici anni che avrebbero assunto le «teddy bear pills». L’episodio è avvenuto ad inizio marzo a Manchester. In un articolo del Sun compare proprio la foto di alcune pasticche a forma di orsacchiotto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (7) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
francesco ogheri scrive: 17-05-2017 - 18:25h
Forse più che caramelle rosa dagli sconociuti sarebbe opportuno insegnare a ragazzi e adulti a non accettare richieste di amicizia da sconosciuti su whatsapp o su facebook (o altri social...) senza fare un minimo di selezione... e sopratutto a condividere qualsiasi cosa senza ragionarci un minimo... Se poi chi fa informazione (e scrive articoli su web o su carta) prestasse un minimo di attenzione a come scrive gli articoli, questo potrebbe almeno aiutare a non agevolare il proliferare di analfabeti digitali... (ad esempio esattamente cosa significa la frase "Quindi secondo l’Internet..."?!? refuso? traduzione balorda? altro?)
eleonorafusto
eleonora maria fustinoni scrive: 16-05-2017 - 21:45h
bhe ! E' sempre buona norma insegnare ai propri figli a diffidare degli estranei ! Poi attenzione ad allarmismi inutili
giorgio rossi scrive: 16-05-2017 - 20:46h
Questa leggenda metropolitana la sentivo già da bambino ,35 anni fa. Il mondo è cambiato ma l'ignoranza è rimasta uguale.
wbenzoni
valter benzoni scrive: 16-05-2017 - 20:20h
Mi piacerebbe sapere che gusto ci trovano gl'imbecilli che le mettono in circolazione!!!
Vedi tutti i commenti