Tasi, le famiglie risparmiano 60 milioni E Bergamo non aumenta le tasse - Mappa

Tasi, le famiglie risparmiano 60 milioni
E Bergamo non aumenta le tasse - Mappa

Quest’anno i cittadini non dovranno pagare la Tasi. La tassa sulla prima casa – come promesso da Matteo Renzi – è stata abolita e i Comuni se la vedranno restituire dal governo. Fatti due conti si tratta di 60 milioni di euro risparmiati per i bergamaschi di città e provincia, 11 milioni solo a Bergamo. L’infografica con il gettito dei primi dieci Comuni della provincia.

Una buona notizia per i contribuenti, un po’ meno per gli enti locali da sempre abituati a poter gestire in proprio il tributo, che per Palafrizzoni equivale alle risorse utilizzate per pagare l’intero settore dei Servizi sociali in un anno. L’abolizione della tassa sull’abitazione principale per gli italiani un risparmio di 3,4 miliardi. La legge di Stabilità ha previsto anche altri sgravi Imu (terreni agricoli, abitazioni affittate a canone concordato per esempio) mentre i possessori di seconde case continueranno a pagare il tributo sull’abitazione.

Per quanto riguarda Bergamo la partita Tasi-sgravi ha un valore di circa 12 milioni, pari al 14, 4 per cento delle entrate tributarie e al 9,3 delle entrate correnti totali. Questo vuol dire un risparmio medio per famiglia (in città sono 40 mila i contribuenti Tasi) di 216 euro all’anno. Considerando invece tutti i Comuni bergamaschi gli sgravi valgono 8 milioni, che portano il conto totale del risparmio a 68 milioni.

«Il minor gettito sarà integralmente restituito ai Comuni e le cifre dei relativi stanziamenti sono state concordate con Anci» rassicura il parlamentare del Pd Antonio Misiani, componente della commissione Bilancio a Montecitorio. Le modalità di compensazione sono state chiarite. «Vengono rivisti i criteri di ripartizione del Fondo di solidarietà comunale, aumentando la quota attribuita secondo capacità fiscali e fabbisogni standard» spiega Misiani. Il Fondo, alimentato da una quota del gettito Imu, ha un obiettivo «solidale», di limitare le disuguaglianze tra città «ricche» e quelle «povere».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 5 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (7) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
LUIGI ROSSI scrive: 06-03-2016 - 01:00h
Non credo proprio che le famiglie risparmino un bel nulla.Si tratta di un bluff apparentemente tolto e spalmato sapientemente altrove.
rossi Arturo scrive: 05-03-2016 - 14:38h
Fate il conto anche di quanti soldi dovremo spendere grazie a normative europee, recepite senza neppure guardarle dallo stato renziano, come quelle sulle canne fumarie e sugli ascensori! Saranno molti di più. Grazie europa sovietica e dannosa, grazie renzi che ci prendi per il c... Del resto questa tassa ignobile gravante su una proprietà pagata col proprio sudore e fatica di anni, era stata re introdotta dal governo pd di monti dopo essere stata tolta dal governo Berlusconi Lega e inventata dal Sig. amato, giudice costituzionale a 21000 €/mese più pensione di altrettanto, oggi nel pd.
angelo mazzucchi scrive: 05-03-2016 - 13:44h
Si tratta di pura propaganda elettorale: 1)La bella figura dell'enfant prodige la pagheranno i nostri figli, perchè è fatta a debito, come gli ottanta euro ad alcuni cittadini ( e non ai più poveri, con aumento del debito pubblico ) 2 ) Lo sgravio è fatto per tutti, dalla villa sfarzosa alla povera dimora. Leggendo dei modi di redistrubuzione del mancato introito ai comuni è facile capire che in nome del " sociale ecc. , le solite comode balle" saranno penalizzati i comuni che non sono genuflessi al nuovo ducetto ed ai suoi tirapiedi. Che schfo !
Fulvio Dell'Aquila scrive: 05-03-2016 - 11:34h
dato che è un tributo facoltativo in molti comuni,ad esempio Torre Boldone,non viene già applicato.....in compenso viene introdotta la tassa sugli ascensori(la cui manutenzione è già obbligatoria per legge) pari a eu.400
Vedi tutti i commenti