Lallio, dopo la maxi-multa per la merenda La «solidarietà» del colosso marmellata

Lallio, dopo la maxi-multa per la merenda
La «solidarietà» del colosso marmellata

Dopo le polemiche dei mesi scorsi per la maxi sanzione, anche Menz&Gasser al fianco dell’Age.

La multa di oltre mille euro in cui la scorsa primavera l’Age, l’Associazione genitori di Lallio, era incappata per aver spalmato e distribuito fette biscottate con la marmellata senza l’autorizzazione necessaria (la Scia), non ha scoraggiato i suoi responsabili. Oltre ad aver riproposto nei giorni scorsi la Funny Age Run, ovvero la camminata non competitiva lungo il corso delle rogge di Lallio e Treviolo da cui tutto aveva avuto origine, riuscendo a coinvolgere circa 200 persone, l’associazione ha ottenuto un altro e ben più eclatante risultato: al fianco delle mamme che erano viste recapitare la maxi-multa, è sceso in campo infatti un colosso come la Menz&Gasser, azienda leader nella produzione di marmellate e sciroppi di frutta con sede a Novaledo in provincia di Trento (ma ne ha anche una a Kuala Lumpur, in Malesia).

Qualche mese fa, mentre era ancora il can can mediatico per la vicenda era al culmine, l’associazione lalliese è stata contattata da alcuni operatori del settore marketing dell’azienda trentina, ben al corrente della surreale vicenda e interessati a dimostrare solidarietà ai volontari di Lallio. «Hanno scelto di aiutarci anche per spirito di solidarietà tra genitori» racconta la presidente di Age Marzia Cugini. L’azienda era intenzionata a sostenere Age con alcuni dei suoi prodotti (nessun contributo in denaro), così quando a Lallio si è iniziato a organizzare la seconda «Funny Age Run», Menz&Gasser è stata ricontattata per sapere se fosse ancora interessata alla sponsorizzazione. Dall’azienda è arrivato l’ok e così domenica scorsa, gli sportivi lalliesi hanno potuto trovare nei cestini che Age ha regalato ai partecipanti alla corsa, assieme ai prodotti di alcune aziende locali, anche le gustose marmellate trentine. Gli iscritti alla manifestazione hanno decisamente apprezzato l’omaggio, oltre che per le degustazioni durante la manifestazione, anche per il suo valore simbolico. Un sostegno, quello dell’azienda trentina, che è solo l’ultimo e il più importante di una lunga serie.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 8 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA