Il filosofo Curi a «Molte Fedi»

Il filosofo Curi
a «Molte Fedi»

Per la rassegna «Molte fedi sotto lo stesso cielo», riflessione del filosofo Umberto Curi. “Per me è il testo più importante della storia umana. Si indirizza a tutti, credenti e non, e rimane dopo venti secoli l’unica luce che brilla ancora nelle tenebre di violenza, di paura, di solitudine in cui è stato gettato l’Occidente dal proprio orgoglio ed egoismo.” (Gilbert Cesbron)

Umberto Curi, veronese, ordinario di Storia della filosofia per molti anni nell’Ateneo di Padova, ha diretto l’Istituto Gramsci Veneto e ha fatto parte per diversi anni del Consiglio direttivo della Biennale di Venezia. Attento al rapporto politica-guerra, alla dimensione del mythos come narrazione nelle sue forme antiche e moderne, si interroga su temi fondamentali dell’esistenza come amore, morte, dolore e destino.

«Molte fedi sotto lo stesso cielo» è un ciclo di incontri promosso dalle ACLI, con il patrocinio della Cattedra Unesco sul pluralismo religioso e la pace, dell’Università di Bergamo, della Provincia e del Comune di Bergamo, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo e con moltissimi gruppi e associazioni del nostro territorio. L’obiettivo del percorso è quello di imparare un alfabeto delle culture e delle religioni che attrezzi a vivere con responsabilità e discernimento la sfida epocale del mondo plurale a cui, inevitabilmente, saremo chiamati in un futuro non troppo lontano.

La nostra convinzione è che per vivere, e non subire, le trasformazioni in atto siamo chiamati, da un lato a conoscere più e meglio non solo lo stesso cristianesimo, ma anche le religioni “altre”, cercando di evitare i ricorrenti pregiudizi e i facilistici pressapochismi; e dall’altro a educarci pazientemente al dialogo e al confronto interculturale e interreligioso. Un impegno civile a costruire “terre di mezzo” in grado di far crescere la cultura dell’inclusione. La proposta è ambiziosa perché presuppone non solo incontri e dialoghi ad alto profilo con testimoni del nostro tempo, ma anche, in parallelo, percorsi di carattere storico-artistico, letture di testi delle grandi tradizioni religiose, ascolto di musiche, presentazioni di spettacoli teatrali, itinerari a piedi, visite guidate, seminari di approfondimento, percorsi di formazione per i giovani e per le scuole, momenti di preghiera con le diverse comunità religiose presenti a Bergamo.Ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Prenotazione obbligatoria a partire da giovedì 28 settembre. Sotto il Monte Giovanni XXIII Abbazia di Sant’Egidio Fontanella. Giovedì 12 ottobre alle 20:30. www.moltefedi.it. Telefono: 035 210284. Email: info@aclibergamo.it

Tutti gli appuntamenti di giovedì 12 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA In collaborazione con Bergamo Avvenimenti