Otto morti sul lavoro da inizio anno La Cisl: «Aumentano, alzare la guardia»

Otto morti sul lavoro da inizio anno
La Cisl: «Aumentano, alzare la guardia»

Il mortale infortunio alla Magnetti Building, che è costato la vita all’operaio cinquantaduenne Roberto Benitozzi di Ponte San Pietro, è anche la drammatica conferma dell’aumento delle morti bianche nella Bergamasca, che nei primi 6 mesi del 2017 sono state 7 rispetto alle 4 del primo semestre 2016, 8 dall’inizio dell’anno con l’infortunio di Carvico.

«L’ultimo epispodio non è stato ancora conteggiato nelle tabelle pubblicate dall’Inail –evidenzia la Cisl di Bergamo –. Eppure, le stesse tabelle già segnalavano un inasprimento delle denunce a Bergamo nel corso dell’ultimo anno, nonostante per alcuni periodi si fossero mostrati alcuni segnali positivi che lasciavano sperare in orizzonti migliori». «Invece – sottolinea Giacomo Meloni, della segreteria provinciale della Cisl – si riscopre la tendenza negativa all’aumento delle denunce di infortunio, rapportate allo stesso periodo del 2016 e fatto ancor più grave l’aumento degli infortuni mortali nel primo semestre 2017 rispetto a quello dello scorso anno. La tendenza ora quindi si conferma purtroppo in peggioramento. L’invito è quello di non lasciare mai nulla di intentato per affermare la prevenzione quale obiettivo primario in ogni luogo di lavoro, per contrastare la piaga degli infortuni sul lavoro e delle morti bianche».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 25 luglio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (2) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
eugenioscrolla
Tommaso Moro scrive: 25-07-2017 - 11:41h
gli infortuni saranno proporzionali ai tempi richiesti e al mancato rispetto delle normative per mantenere proprio quei livelli. bisogna scegliere prima, non " lamentarsi " dopo !
giovanni lavelli scrive: 25-07-2017 - 10:12h
e sara' sempre peggio in futuro perche' immaginatevi migliaia di lavoratori in tutta italia con eta' di 60-63-65 ecc. costretti a lavorare per poter arrivare alla agognata pensione, con tutte le varie debilitazioni fisiche date dall'eta' e con livelli di attenzione non piu' da ventenni. Ci sara' anche una impennata di morti da infarto. Poveri noi.
wbenzoni
valter benzoni scrive: 25-07-2017 - 11:45h
Grazie Fornero!!! :-((