Lo aveva già denunciato per stalking  Villongo, aggressione finisce in tragedia
Il luogo dove si è verificato l’investimento (Foto by Foto San Marco)

Lo aveva già denunciato per stalking
Villongo, aggressione finisce in tragedia

Un’aggressione è finita in tragedia a Villongo. È successo lunedì mattina 19 giugno intorno alle 8 in via Roma. Un uomo è deceduto travolto da una macchina nel parcheggio della biblioteca di fronte a Villa Passi.

Queste le prime informazioni sulla dinamica: pare che un uomo - di origini albanesi e di 43 anni, residente a Chiara - sia stato investito per cause accidentali da una donna italiana, di 44 anni e sempre residente a Chiari. La donna lo conosceva e da tempo il 43enne la perseguitava, infastidendola in maniera pesante e oppressiva. Pare infatti che la donna avesse sporto denuncia per stalking nei giorni scorsi nei confronti dell’albanese.

Lunedì l’ennesimo appostamento dell’uomo, fuori dal luogo di lavoro della 44enne, impiegata al Comune di Villongo. L’uomo brandiva un coltello e la donna, per evitarlo, sarebbe scappata in macchina. Il 43enne la avrebbe però rincorsa e ferita a un braccio e lei, nel tentativo di fuggire, lo avrebbe investito accidentalmente.

L’uomo è caduto a terra e, a causa delle ferite riportate nell’investimento, è morto poco dopo. Sul posto il 118 e i carabinieri che stanno indagando sul caso.

La zona chiusa al traffico

La zona chiusa al traffico
(Foto by Foto San Marco)

La zona nella mattinata di lunedì è stata chiusa al traffico dalla polizia locale e il transito è stato bloccato per permettere i rilievi del caso.

La donna, sotto choc, è stata trasferita in ospedale, a Sarnico, dove è stata anche medicata al braccio: prima dell’investimento l’uomo l’ha infatti ferita con il coltello. Al momento la 44enne non risulta indagata.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 20 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (8) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
tibaut65
Luca Pedrali scrive: 19-06-2017 - 18:25h
Legittima difesa involontaria . Massima solidarietà.
arturo panteghini scrive: 19-06-2017 - 17:16h
Che faccia riflettere chi di dovere, e non poco, dato che se l'epilogo fosse stato il contrario ora avremmo una "vittima", vittima del sistema.
marco rossi scrive: 19-06-2017 - 14:17h
Denunciato x stalking..... che legge inutile .... ogni volta si torna sempre "sul luogo del delitto ".... x non mettere i delinquenti in carcere sono state inventate leggi da pazzi... e questi sono i risultati...
Alessandro Veneziani scrive: 19-06-2017 - 12:56h
Se le cose sono andate come sembrano dall'articolo, spero che la notizia abbia risonanza nazionale: avviso agli stalker, agli uomini vigliacchi che si sentono legittimati a usare violenza contro le donne. Non vi va sempre bene, qualche volta siete voi ad avere la peggio....
Vedi tutti i commenti