Da Almé a Zogno in bici sull’ex ferrovia Il progetto c’è, caccia ai fondi - Foto

Da Almé a Zogno in bici sull’ex ferrovia
Il progetto c’è, caccia ai fondi - Foto

Da Almé a Zogno lungo l’ex ferrovia in bicicletta e poi da lì fino a Piazza Brembana. Il sogno di molti cicloamatori potrebbe diventare realtà.

I Comuni - con Provincia e Comunità montana - pedalano a tutta velocità per arrivare pronti al bando regionale (scade il 27 gennaio) che finanzia i percorsi ciclopedonali. Un itinerario di pregio, sia per le bellezze naturalistiche sia architettoniche (ad esempio lungo il tracciato ci sono diverse stazioni liberty, 12 gallerie dagli 8 ai 217 metri), che si vuole valorizzare in chiave turistica e di mobilità sostenibile.

Per raggiungere l’obiettivo - dopo anni in cui il progetto è stato in stand by (se ne parla da almeno il 2009) - c’è stata una vera e propria mobilitazione generale , con volontari e associazioni che hanno ripulito il percorso abbandonato e le amministrazioni comunali e provinciale che hanno ridato slancio all’iter (con l’acquisizione anche dal Demanio del tracciato). La novità sta proprio nella «cordata» che presenta il progetto. Il finanziamento del Pirellone può coprire però solo il 50% della spesa totale, fino a un massimo di 415 mila euro. Una cifra non sufficiente, visto che il costo totale del tratto Almè-Sedrina è stato quantificato in 1,2 milioni di euro.

L’appello, quindi, è a enti, associazioni e privati perché si uniscano a questa impresa collettiva. Nel caso di aggiudicazione del bando, resterebbero da coprire 800 mila euro.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 11 gennaio 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (16) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Cristina Marino scrive: 14-01-2017 - 14:19h
a questo punto sarebbe ancora meglio se la ciclabile invece di fermarsi ad Alme' arrivasse alla stazione del treno di Ponte San Pietro passando anche per San Tome' e Valbrembo. A questo punto da Monza e Milano potrebbero arrivare in treno invece di intasare le strade e noleggiare una bici in un ipotetico hub ciclistico a Ponte San Pietro. Troppo green e fantasiosa ???
Marco Bizzero scrive: 11-01-2017 - 15:25h
Fate il tram con a fianco la ciclabile
Angelo Carminati scrive: 11-01-2017 - 22:02h
Il vecchio sedime è molto stretto: o si fa il tram o la ciclabile, tutti e due non ci stanno...
ZEUS07
Zeus de Andreoli scrive: 11-01-2017 - 13:02h
Invece della ciclabile perché non fanno il tram ? credo sarebbe MOLTO più utile.....
francesco ogheri scrive: 11-01-2017 - 12:59h
Ma se il progetto c'è già perchè non renderlo pubblico e mostrarlo ? Dove è possibile consultarlo? il bando è finalizzato ad incentivare il turismo... come si fa a incentivare qualcuno se si nascondono le cose? sul sito della comunità montana non c'è nulla... non dico di creare un sito apposito ma almeno un link o una brochure nei siti dei vari comuni/enti interessati forse aiuterebbe e garantirebbe più credibilità alla proposta...
Vedi tutti i commenti