I fratelli arrestati: ci siamo difesi  «L’appuntamento era una trappola»
L’incontro dei clan a Trescore filmato dalle telecamere

I fratelli arrestati: ci siamo difesi

«L’appuntamento era una trappola»

Una trappola architettata dai rivali. Ecco che cosa era, secondo Elvis e Kevin Nicolini, rom di 33 e 24 anni, l’appuntamento di martedì pomeriggio in piazzale Pertini a Trescore sfociato in una rissa con sparatoria.

I due fratelli arrestati insieme alla madre Angelica Pellerini, 50, e al comasco Davide Carabetta, 36, lo hanno spiegato alla gip Marina Cavalleri, che sabato scioglierà la riserva sulla convalida degli arresti e sulle eventuali misure di custodia cautelare. Per tutti le accuse sono di concorso in tentato omicidio, rissa, lesioni e porto abusivo di armi e oggetti atti a offendere.

I due, difesi dall’avvocato Ottaviano Mussumeci, hanno raccontato di essere stati invitati all’appuntamento dai rivali del clan Horvat. Il difensore ha prodotto al gip un video postato su Youtube in cui, in lingua rom, alcuni i rivali inviterebbero i Nicolini, in particolare Kevin, a presentarsi nel piazzale di Trescore alle 14,30 di lunedì. Kevin e il fratello accettano di andarci per questioni d’onore, pensando a un chiarimento verbale, al massimo muscolare.

Quando arrivano, i Nicolini non trovano nessuno. Poi, hanno affermato i fratelli, ecco che piomba l’Hummer scuro, preceduto da alcuni spari.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 12 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (2) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Graziano Rosponi scrive: 12-08-2017 - 17:46h
A quando l"OK Corral"? Italia, patria di Santi, Eroi, Navigatori e Pistoleri.
mario COLOMBO scrive: 12-08-2017 - 08:13h
A be allora... però la legge vieta la legittima difesa nelle ore diurne. Quindi se vale per gli onesti cittadini vale anche per i delinquesti