Al Passo del Vivione giornata senza auto Venerdì spazio per bici e passeggiate
Il Passo del Vivione chiude al traffico venerdì 23 giugno per fare spazio a biciclette e pedoni

Al Passo del Vivione giornata senza auto
Venerdì spazio per bici e passeggiate

Venerdì 23 giugno dalle 9 alle 17 l’iniziativa «Passinbici». Il passo che divide la Val di Scalve dalla Valle Camonica chiuderà alle auto. Ci sarà spazio solo per pedoni e biciclette

Arriva al Passo del Vivione, venerdì 23 giugno, Passinbici, l’iniziativa promossa dalla Comunità montana della Valle Camonica – Parco dell’Adamello, in collaborazione con il Comune di Paisco Loveno (il Comune sul versante bresciano sul cui territorio è posta la strada che sale al Passo del Vivione) e il Comune di Schilpario. La manifestazione prevede la chiusura del traffico motorizzato lungo tutta la strada dalle nove di mattina alle cinque del pomeriggio.

L’obiettivo è quello di proporre una giornata «lenta e sostenibile», rendendo i luoghi fruibili a tutti e rievocando i passaggi storici delle due vallate. «La proposta – spiega il sindaco di Schilpario, Claudio Agoni – ci è arrivata dalla Valle Camonica e l’abbiamo colta al volo. Ci è sembrata una buona opportunità per far conoscere il nostro territorio e per stare vicini anche a quella fetta di turisti, sempre più ampia, che apprezza il mondo della sostenibilità».

Nessun orario di partenza visto che si tratta di una non competitiva. Ogni partecipante sarà comunque tenuto a rispettare il codice della strada. Informazioni sul sito del Parco dell’Adamello (www.parcoadamello.it) e sul sito della Fiera della Sostenibilità nella natura alpina (www.fierasostenibilita.parcoadamello.it).

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 22 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (3) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
giorgio nicolosi scrive: 22-06-2017 - 13:40h
Bella iniziativa! Speriamo che la chiusura venga segnalata all'imbocco delle strade ad inizio valle che conducono al Passo del Vivione, a Forno Allione e Darfo Boario Terme in Val Camonica, al Passo della Presolana o a Dezzo di Scalve! Saranno contenti i numerosi germanici motociclisti che giornalmente transitano per quella strada che, dovranno invertire e variare la loro mappatura di percorso.
ivan navi scrive: 22-06-2017 - 09:07h
Si sì proprio una bellissima idea!!! Peccato che non vengano segnalati i passi chiusi al traffico se non quando sei ai piedi di quest'ultimo. Magari ti sei fatto 100 km con l'idea di andare a qualche passo per respirare un po' e ti trovi la strada chiusa! Bellissimo! E poi diciamo la verità, chi cammina, chi fa del trekking in montagna, mica lo fa su asfalto, ma entra nella natura, sui sentieri boschivi, quindi che senso ha chiedere la strada? Chiedete ai gestori del ristorante-bar se sono contenti di perdere una gran fetta di clienti??? Ricordiamoci che questi personaggi lavorano solo per pochi mesi all'anno e anche solo un giorno "buco" porta a perdite importanti!
mauro rossi scrive: 22-06-2017 - 11:56h
la strada è chiusa soprattutto per chi va in bici, e che di conseguenza non può farlo sui sentieri a differenza di chi cammina ecco il senso....I gestori di bar e ristoranti sono contenti si, perchè l'iniziativa richiama molta più gente del normale, infatti: "iniziativa promossa dalla Comunità montana della Valle Camonica – Parco dell’Adamello, in collaborazione con il Comune di Paisco Loveno e il Comune di Schilpario"
ivan navi scrive: 22-06-2017 - 14:45h
Il fatto che è un iniziativa promossa dalla comunità e patrocinata dal comune e bla bla bla, non significa che porti più persone!!! Sui passi passano molti più motociclisti che ciclisti e questo è un dato di fatto, basta stare una mezza giornata e vedere di persona! Inoltre i ciclisti, quando arrivano al passo al maxi prendono un caffè o un gelato, perché devono rimanere leggeri per i km del ritorno, mentre i gruppi di motociclisti si siedono e pranzano a dovere! Dico questo perché sono un frequentatore di passi e ho avuto modo di notare quest'usanza!!!
Simone Bettoni scrive: 22-06-2017 - 06:10h
la più bella iniziativa che si possa realizzare . complimenti