BERGAMOINCONTRA: LA VERITA' NASCE DALLA CARNE.

BERGAMOINCONTRA: LA VERITA' NASCE DALLA CARNE.

BergamoIncontra: La verità nasce dalla carne.

 

Il tema scelto quest’anno nasce da una riflessione sul clima oggi diffuso di confusione e paura, che può essere sintetizzato dalle parole del sociologo Ulrick Beck (1944 – 2015): “Su una frase la maggioranza delle persone si trova d’accordo (…) – Non capisco più il mondo –” . Anche il rapporto Censis 2018 arriva a descrivere gli italiani con il termine ‘incattiviti’, come a definire la reazione emotiva che emerge nella maggioranza e sembra predominare.   
Di fronte a una situazione così chi non prova il desiderio di una vera novità?  Ma come rimettere in moto di nuovo il nostro cuore? Abbandonare cinismo, delusione e ricominciare a sperare? Come riavviare un dialogo? 

Rispetto a tali interrogativi una frase del Vangelo ci è sembrata pertinente e incalzante, tanto da proporla come titolo della manifestazione di quest’anno. Ė la domanda di Nicodemo a Gesù: “Può un uomo rinascere quando è vecchio?”  Come Nicodemo anche noi spesso ci ritroviamo chiusi nella nostra cultura, nei nostri pregiudizi, condizionati dalla mentalità dominante, ma non riusciamo a soffocare la necessità che qualcosa di nuovo riaccada, che la vita possa rifiorire continuamente.    
Attraverso incontri, mostre, testimonianze desideriamo portare il nostro contributo per percorrere una strada insieme a chi, come noi, condivide la domanda di Nicodemo. 

Domenica 30 agosto alle 12 "La verità nasce dalla carne". Presentazione del libro di don Luigi Giussani (Ed. BUR Rizzoli 2019).
La Verità nasce dalla carne (1988-1990), terzo volume della serie BUR Cristianesimo alla prova, raccoglie le lezioni e i dialoghi di don Giussani durante gli Esercizi spirituali della Fraternità di Comunione e Liberazione della fine degli anni ’80. Qual è la natura del cristianesimo? Il significato ultimo della vita cui il cuore di ogni uomo aspira è diventato un uomo: ecco, il cristianesimo è questo avvenimento. Che non riguarda solo il passato: Cristo, Dio fatto uomo, si rende udibile e tangibile oggi attraverso la precarietà di una carne, quella di una compagnia fatta di persone come tutte le altre, eppure diverse: un’ umanità trasformata, più compiuta, desiderabile, che si può incontrare nella vita di tutti i giorni.  E rimane nella storia attraverso la carne di coloro che Egli sceglie e che lo riconoscono, rendendosi così presente ai nostri bisogni e alle nostre fragilità.

Partecipa: Carmine di Martino, docente di filosofia teoretica Università degli Studi di Milano.

 

Locandina