Die Zauberflöte

Die Zauberflöte

Oper in zwei Akten. Musik von Wolfgang Amadeus Mozart


Lasciato alle spalle il festoso successo tributato al dramma buffo Don Pasquale, il Circolo musicale Mayr-Donizetti volta decisamente pagina per affrontare un riferimento assoluto del teatro in musica con l’opera Die Zauberflöte di Wolfgang Amadeus Mozart (è possibile scaricare liberamente il libretto alla pagina www.mayrdonizetti.it/file_pdf/Libretti/Die_Zauberfl%C3%B6te_DE-IT-Narratore.pdf).
Qual è il confine tra il bene ed il male, tra il giudizio ed il pregiudizio, tra il semplice ed il complesso, tra l’esoterico ed il concreto, tra la luce e l’oscurità? Il genio di Mozart ci conduce per tre ore tra le increspature del suo spazio-tempo e lì ciascuno potrà muoversi alla ricerca di una propria bellezza assoluta.



Personaggi ed interpreti:
Sarastro PAOLO BATTAGLIA
Tamino RODRIGO TOSINO
Sprecher ALESSANDRO RAVASIO
Erster Priester ALESSANDRO RAVASIO
Zweiter Priester ROBERTO BENLODI
Königin der Nacht TERESA DI BARI
Pamina VALENTINA PENNINO
Erste Dame der Königin LEONORA TESS
Zweite Dame der Königin NADINA CALISTRU
Dritte Dame der Königin SERENA ROMANELLI
Papageno MAURIZIO LEONI
Ein altes Weib (Papagena) IRIS COMPOSTA
Monostatos LIVIO SCARPELLINI
Erster Knabe STELLA COMPOSTA
Zweiter Knabe CHIARA CASTAGNETTI
Dritter Knabe CHANTAL SALOMONI
Erster geharnischter Mann RICCARDO BENLODI
Dritter geharnischter Mann ALESSANDRO RAVASIO

Narratore FERRUCCIO GIULIANI

Coro Opera Ensemble
maestro del coro
UBALDO COMPOSTA

Studio Danza Ieva
coreografie
ANNA MARIA IEVA

Piccola Orchestra dei Colli Morenici

direttore DAMIANO MARIA CARISSONI

regia VALERIO LOPANE



Note di regia:
Die Zauberflöte nasce come Zauberspiel, un genere specifico d’opera molto in voga nell’ultimo ventennio del Settecento a Vienna: si tratta di un melodramma con evidenti scopi didascalici e di intrattenimento, una tipologia di teatro popolare ricca di espedienti, che oggi chiameremmo «effetti speciali». Wolfgang Amadeus Mozart vi si getta con tutta la sua straordinaria genialità, trascendendo i confini dei lavori in voga, per dare vita ad un capolavoro musicale ricco di inarrivabili suggestioni spirituali e di profonde ripercussioni filosofiche di ascendenza massonica.
Per rendere questo grande capolavoro occorre anche dare giusto rilievo alla componente buffa e magica, in contrapposizione ai tratti più nobili e sacri. Parte di questi scopi saranno assegnati ai danzatori, che diverranno le nostre «macchine sceniche». Lo spessore spirituale ed iniziatico dell’opera sarà reso, invece, dai bozzetti del grande architetto e pittore neoclassico prussiano Karl Friedrich Schinkel, restaurate ed integrate con effetti di animazione, nonché da costumi, maschere e copricapi originali in stile favolistico
.

Locandina