DINOSAURI AL MUSEO

DINOSAURI AL MUSEO

La grande mostra che celebra i 100 anni del Museo di Scienze Naturali.

 

Il 14 luglio 1918, alla presenza delle autorità cittadine e del professor Torquato Taramelli, illustre geologo bergamasco docente presso l'Ateneo di Pavia, venne inaugurato il Museo Civico di Storia Naturale di Bergamo; il suo primo direttore fu il sacerdote professor Enrico Caffi. Il 10 marzo 2018, 100 anni dopo, il Comune di Bergamo ha dato ufficialmente il via ai festeggiamenti per il Centenario del Museo Civico di Scienze Naturali Enrico Caffi, con l'apertura della mostra «Noi abbiamo 100 anni loro molti di più - DINOSAURI AL MUSEO», visitabile fino al 6 gennaio 2019 Un'esposizione studiata appositamente per quest'occasione, frutto della collaborazione tra il personale del Museo e il team di professionisti di «Dinosauri in Carne e Ossa», brand di Geomodel. La mostra si presenta come un percorso perfettamente integrato con quello del Museo, arricchito da approfondimenti e aggiornamenti in merito alla ricerca scientifica più recente; 100 punti di interesse scandiscono un itinerario in cui è possibile ammirare riproduzioni di animali estinti, fossili, calchi, ricostruzioni e animali tassidermizzati in un continuo dialogo di rimandi.

Scopriamo come e cosa è possibile vedere. La sala con il grande scheletro di Allosaurus fragilis vede ora affiancato il suo alter ego in riproduzione iperrealistica in scala 1:1, oltre ad un esemplare di Dracorex hogwartsia che deve il proprio nome a un aspetto così bizzarro ai nostri occhi da richiamare alla mente una creatura fantastica, “Re dei draghi di Hogwarts”, appunto, con un chiaro riferimento alla saga di Harry Potter. Accanto al famosissimo Cervo di Sovere (BG) di 700.000 anni fa si trova il più recente Megaloceros giganteus, il più grande cervide mai esistito. Vicino al grande scheletro del capodoglio attuale, nuota Liopleurodon, enorme rettile marino degli oceani Giurassici, mentre Latimeria, unico celacanto vivente conosciuto, dialoga con Mawsonia, rappresentante estinto dello stesso gruppo di pesci. Le più moderne tecnologie multimediali sono utilizzate con grande efficacia per raccontare il Tempo Profondo e per rendere ancor più accessibile al pubblico il mondo degli addetti ai lavori. Proprio per queste 100 candeline del Museo Civico di Scienze Naturali Enrico Caffi, alcuni modelli sono stati realizzati ad hoc dal team Geomodel sui più importanti reperti paleontologici presenti in esposizione: tra di essi ricordiamo in particolare il fossile della libellula Italophlebia scoperta durante gli scavi del museo in Valle Imagna, il fossile del fitosauro Mystriosuchus scoperto nel 1995 a Zogno, il calco del fossile del dinosauro Citipati (il celeberrimo scheletro di Big Mama sul nido).

52 in totale i modelli visibili nel percorso-mostra tra interno ed esterno: 48 nelle sale del Museo, 4 in altrettante postazioni della città di Bergamo: Diplodocus in Piazza Cittadella, davanti al museo, Indricotherium presso la stazione ferroviaria, Pachyrhinosaurus in Piazza Vittorio Veneto e il famosissimo Tyrannosaurus rex presso l’Ospedale Papa Giovanni XXIII. Dinosauri e grandi animali estinti in epoche geologiche remote sono stati scelti come ospiti d'onore, testimonial d'eccezione di questo straordinario evento; tra i protagonisti della mostra ci saranno inoltre alcune specie simbolo dell’estinzione causata dell’uomo, argomento assai caro a tutti i musei di Scienze Naturali, come ad esempio la Colomba Migratrice e il Tilacino.

Una serie di giornate-evento coprirà i fine settimana dell'intero periodo di apertura della mostra con proposte culturali aperte a tutti e bellissimi laboratori per grandi e bambini. Le attività sono gratuite previo l'acquisto del biglietto di ingresso alla mostra. È possibile consultare il calendario e le modalità di partecipazione sul sito dinosauribergamo.it.

Proseguono anche le attività didattiche per le scuole di ogni ordine e grado, curate da Annalisa Aiello, Conservatore dei Servizi Educativi del Museo. Per informazioni e prenotazioni è possibile consultare la sezione didattica del sito museoscienzebergamo.it. Gli eventi in mostra che si susseguiranno nei fine settimana verranno realizzati dall’Associazione Didattica Naturalistica del Museo di Scienze Naturali e dall’Associazione Paleontologica Paleoartistica Italiana A.P.P.I. nella persona del suo Presidente Anna Giamborino.

«Noi abbiamo 100 anni, loro molti di più - DINOSAURI AL MUSEO» è stata realizzata dal Comune di Bergamo in collaborazione con Geomodel, su progetto scientifico del personale del Museo Civico di Scienze Naturali Enrico Caffi - in particolare Anna Paganoni, Direttore dell'Istituto di Geologia e Paleontologia, Marco Valle, Direttore dell'Istituto di Zoologia e Annalisa Aiello, Conservatore dei Servizi Educativi - e dei paleontologi Simone Maganuco e Stefania Nosotti, supervisori scientifici di Geomodel.

Per tutto il periodo della mostra, da marzo a settembre, il Museo sarà visitabile da martedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14,30 alle 18. Il sabato, la domenica e i giorni festivi l’orario sarà continuato dalle 10 alle 19. Il prezzo del biglietto è di 8 euro per gli adulti (dai 18 anni di età), 4 euro ridotto (dai 4 ai 18 anni). Le scolaresche godranno di un’ulteriore riduzione con un biglietto che sarà di soli 3 euro a studente. 100 buone ragioni per visitare la mostra. La prima? Festeggiare insieme il Centenario!

 

 

Locandina