GIUSEPPE MORANDI - QUELLI DELLA BASSA

GIUSEPPE MORANDI - QUELLI DELLA BASSA

La Casa del Parco ospita la personale di Giusepppe Morandi con foto e filmati unici sulla civiltà contadina.

 

Il Mulino di Basso di Torre Pallavicina ospita la personale di Giuseppe Morandi, dal titolo «Quelli della Bassa»; in esposizione foto e filmati unici sulla civiltà contadina. “La civiltà contadina, durata duemila anni, stava ormai finendo. Volevo filmare i riti ancora in atto di quella civiltà. Se ho fotografato e filmato la mia gente è perché l’ho amata e ho condiviso la sua storia e la lotta per la sua emancipazione. Ho voluto dare loro un volto, raccontare la loro vita dall’interno, perché io ero e sono uno di loro. Ho voluto fissare la loro sapienza e il loro orgoglio”, queste le parole dell’artista in relazione alla mostra che sarà aperta al pubblico dal 2 al 4 novembre, con orari: venerdì 17,30-19,30, sabato e domenica 10-12 e 15-18.

Giuseppe Morandi è fotografo, scrittore, autore di cortometraggi presentati in tutta Europa. Da regista cinematografico ha realizzato molti documentari dagli anni ’50 ad oggi sulla vita nella Bassa Padana. Ha collaborato con Bernardo Bertolucci per il film “Novecento” e nel 2008 ha presentato il film “I colori della Bassa” al Festival di Venezia e poi in una tournée americana. “La civiltà contadina, durata duemila anni, stava ormai finendo. Volevo filmare i riti ancora in atto di quella civiltà. Se ho fotografato e filmato la mia gente è perché l’ho amata e ho condiviso la sua storia e la lotta per la sua emancipazione. Ho voluto dare loro un volto, raccontare la loro vita dall’interno, perché io ero e sono uno di loro. Ho voluto fissare la loro sapienza e il loro orgoglio”. G. Morandi 

All’interno della mostra sabato 3 novembre, ore 18, la presentazione del libro  D.O.I. (Denominazione di Origine Inventata) alla presenza dell’autore Alberto Grandi.

Alberto Grandi, professore dell’Università di Parma, svela quanto marketing ci sia dietro lo strepitoso successo dell’industria gastronomica italiana. I tantissimi prodotti tipici italiani, gran parte dei piatti e la stessa dieta mediterranea sono buonissimi, ma le leggende di storia e sapienza che li accompagnano sono invenzioni molto più recenti, scaturite dalla crisi industriale degli anni Settanta.

Ingresso gratuito – Orari: Venerdì 17.30/19.30 Sabato Domenica 10.00/12.00 – 15.00/18.00. 

Inaugurazione ore 17,30 alla presenza dell’autore col il saluto delle autorità del Parco Oglio Nord.

 

In collaborazione con Piccolo Parallelo.