I LIBRI DELLA RIFORMA PROTESTANTE

I LIBRI DELLA RIFORMA PROTESTANTE

Presso la Biblioteca Civica Angelo Mai la mostra «Libri della Riforma protestante fra Cinquecento e Seicento conservati». 

 

Il 6 maggio l'inaugurazione della mostra inserita all'interno del programma per il 500 anniversario dalla riforma protestante. Per l'apertura, incontro con Maria Elisabetta Manca, Direttrice Biblioteca Angelo Mai.

 

La produzione editoriale nel mondo riformato fra Cinquecento e Seicento Atrio scamozziano della Biblioteca Fra le decine di migliaia di esemplari di edizioni cinque-seicentesche conservati alla Biblioteca Angelo Mai, trovano riscontro numerosi esempi di pubblicazioni provenienti da città che, in momenti diversi, hanno vissuto la diffusione del Protestantesimo. Troviamo così libri a stampa provenienti da Amsterdam, Anversa, Basilea, Costanza, Friburgo, Ginevra, Halle, Heidelberg, Leida, Lipsia, Lubecca, Magonza, Strasburgo, Wittemberg, Zurigo. Si tratta di bibbie, di opere esegetiche e teologiche, ma anche inerenti le altre branche del sapere.

E’ un’occasione per riflettere, laddove si riescano ad individuare ex-libris e note di possesso, sulla circolazione di queste edizioni nel territorio italiano, e bergamasco in particolare, fin dai tempi del vescovo Vittore Soranzo (1500-1558) che subì un processo e una condanna per eresia in quanto sospettato di simpatie protestanti.

La mostra rimane aperta sino al 15 luglio.