LUKE WILLIS THOMPSON

LUKE WILLIS THOMPSON

Sbarca alla GAMeC la prima personale dell'artista Luke Willis Thompson.

 

La GAMeC ospiterà la prima personale in un’istituzione museale italiana dell'artista Luke Willis Thompson (Auckland, 1988) a cura di Edoardo Bonaspetti, “Guest Curator” della prima edizione di un nuovo programma di mostre promosso nell'ambito del Premio Lorenzo Bonaldi per l’Arte – EnterPrize.

Attraverso il cinema, la performance, la scultura e l’installazione, la pratica di Thompson si concentra sulla testimonianza come strumento di emancipazione sociale e politica in cui articolati riferimenti personali e collettivi riconfigurano l'attenzione verso sistemi di potere e disuguaglianze e cui sono sottoposte determinate categorie di soggetti.

«hysterical strength» rifletterà sulle politiche dell'identità e sull'appropriazione del dolore. In un tempo in cui le intolleranze verso le fragilità, le discriminazioni di genere, di razza o classe sembrano diffondersi in maniera preoccupante, il lavoro di Thompson sottolinea l'interdipendenza della condizione umana e i drammatici effetti che i meccanismi di oppressione possono esercitare.