RAFFAELLOVE

RAFFAELLOVE

In Accademia Carrara apertura serale straordinaria, ingresso ridotto e un brindisi; tutti gli innamorati sono i benvenuti.

 

Raffaello invita la Fornarina a passeggiare per Roma: le narra le bellezze storico-artistiche della città, le offre dei fiori e la cena; poi le regala un bracciale con inciso il suo nome - che lei indossa - per alludere alla loro intesa romantica e passionale. Entrambi desiderano concludere la serata in modo originale: lui la ospita nel suo atelier, lei si svela con fiducia e naturalezza per essere ritratta dall'artista sedotto.

Tra le vicende di una vita breve ma intensa, come quella di Raffaello, un posto speciale è occupato dal leggendario amore per la Fornarina. Esso è entrato tardi nella mitologia raffaellesca, già nel Cinquecento però Giorgio Vasari descrive Raffaello “dedito fuori di modo ai piaceri amorosi”.

Anche per questo il ritratto La Fornarina, tra i protagonisti di Raffaello e l’eco del mito grazie al prestito delle Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Palazzo Barberini, è diventato celeberrimo. L’invito di Accademia Carrara di Bergamo è di rivivere la leggendaria storia d'amore tra Raffaello e la Fornarina (secondo la tradizione la figlia del fornaio di Trastevere), romanzata nei secoli da artisti, presenti in mostra, come Francesco Gandolfi, Felice Schiavoni, Giuseppe Sogni, Dionigi Faconti.

Accademia Carrara festeggia dunque con Raffaello il giorno di San Valentino pensando agli innamorati con una apertura straordinaria fino alle 21.00; ingresso ridotto per le coppie (10 euro a persona); visite guidate alle 17.30 e alle 19 e un aperitivo presso GAMeC Cafè.