UN MESE DI MUSICA ALLA MALPENSATA

UN MESE DI MUSICA ALLA MALPENSATA

Il Circolino della Malpensata e Duck Live presentano Circolino Live! Tutti i giovedì sera dalle 21,30 cantautori, musica indie rock, elettronica e hip hop. Tutti i sabati sera anche Circolino Live Blue Saturday con musica blues, jazz, country, folk.

 

Giovedi 31/08 Ladri di Polli – Presentazione ufficiale primo album (cantautorato)

Presentazione ufficiale del primo album dei Ladri di Polli. Live dalle 21,30 nel cortile del Circolino della Malpensata.

I Ladri di Polli nascono in una notte buia e tempestosa del 2012. Armati di bouzouki e voce grossa portano a termine una serie di furti notturni a colpi di De Andrè e affini: l'idea di avere una grossa taglia sulla testa non sembra spaventarli. Il tempo porta consiglio e oggi, nel 2017, a cinque anni di distanza, presentano il loro primo album autoprodotto. 

Partecipano all'impresa, in ordine d'ingresso nella banda:

Giovanni Birolini - voce grossa e chitarra
Stefano Arizzi - chitarre, bouzouki e voce
Claudia Del Bello - violino e voce
Luca Razzitti - cojon, percussioni eque e solidali
Clara Cortinovis - fisarmonica, clarinetto e voci
Nicola Arizzi - basso acustico e voce 

 

Sabato 02/09 Claudia Buzzetti e Peppe D'Avino (jazz)

Due membri del gruppo Close Quartet, Peppe D'Avino, esperto e vivace pianista e Claudia Buzzetti, voce. Il repertorio che proporranno sarà composto da alcuni dei brani più conosciuti ed apprezzati della storia e tradizione del jazz, con il suo tipico sapore newyorkese. 

 

Giovedi 07/09 Bludimetilene (cantautorato)

Dopo aver militato in diverse band palermitane (Neùro, Open door, Olszbob) e poi bergamasche (Mani di mida, Cave nove e The Bonsai Mood), Alessandro Pisciotta, in arte Bludimetilene, si accinge ad intraprendere il suo primo progetto solista. 

Il percorso musicale vario e contorto sperimentato negli anni, lo ha di fatto riportato al punto di partenza. Tutto torna! Come in un cerchio, il punto di inizio coincide con il punto di fine. Ed è quindi dal cantautorato più nudo e crudo, fatto di sola voce e chitarra, con al più qualche fischio od una armonica d'introduzione o come strumento solista, che si riparte. Si cerca l'essenza, abbandonando ogni artificio, sperimentando il sublime. Le tematiche affrontate nei testi variano, ma l'amore e la guerra sono cucite dentro ogni canzone e ne ricamano una trama di pizzo arzigogolato, così come si intrecciano i fili della miglior follia.

 

Sabato 09/09 Carolina Pasinetti & Tommi Lando (soul)

Carolina Pasinetti e Tommaso Lando propongono in acustico (voce, basso, chitarra) arrangiamenti in chiave soul di brani presi dal soul classic, dal reggae, dal pop e dal R&B contemporaneo. Si passa da Otis Redding a Bob Marley, da Rihanna a Anderson.Paak. ù

Voce: Carolina Pasinetti

Chitarra e basso: Tommaso 

 

Giovedi 14/09 Elefanti (indie rock)

Il progetto nasce dall’incontro tra Francesco “Shamble” Arciprete e Matteo “Teo” Belloli.

Entrambi bergamaschi, i due musicisti hanno alle spalle precedenti esperienze (Glass Cosmos, Cheap Mondays) prima di intraprendere la nuova avventura con il nome Elefanti. Arciprete e Belloli trovano, durante la loro ultima esperienza musicale, un affiatamento, una comunanza di ideali, valori, ambizioni, sogni ed una grande stima reciproca che fa decidere loro di intraprendere una nuova avventura. Da una prima formazione con più componenti, Francesco e Matteo scelgono di credere nella forza e nella potenza di suoni diretti e taglienti, ma soprattutto vogliono credere nelle loro forze. Nasce così il power duo degli Elefanti. La band ha in cantiere un disco, prodotto da Francesco “James” Dini (frontman dei The Last Fight e del progetto James And The Butcher) presso il 1901.Studio, la cui uscita è prevista nei prossimi mesi. L’album è anticipato dal singolo «Nel Vortice (Non è facile)», accompagnato da un suggestivo e adrenalinico videoclip diretto da Ivica Caglioni. 

 

Sabato 16/09 Limbo Kids Trio (country)

Brani originali e cover di ispirazione 60's-West Coast.

Chicco Beni - chitarra

Robi Marchesi - percussioni

Claudio Meo - basso 

 

Giovedi 21/09 Montag (cantautorato) + Dri (cantautorato)

Due giovani cantautori bergamaschi al Circolino della Malpensata.

Montag - Pietro Raimondi da Bergamo, classe ’96.  Ha una chitarra, una voce, un immaginario, qualcosa da dire in forma canzone, mentre attorno i rumori schiacciano tutto, qualcuno fa la storia ed altri si innamorano mettendosi a correre. Sembra poco, ma nell’attesa che venga dimostrata l’inutilità dei turbamenti giovanili, delle tristezze minuscole, dei tramonti visti da città-satellite, della vorticosa riduzione del mondo su corde, è tutto quello che ha da offrirvi.

Dri - Nasce nel 1994 e cresce a Bergamo. Nel 2010 si ritrova in mano una chitarra e comincia a scrivere canzoni senza sapere bene il perché, per passare il tempo. Nel 2013 si trasferisce a Firenze per motivi di studio. Qui verso fine 2015 si accorge che scrivere canzoni non è più un passatempo, ma l'unica cosa che riesce a fare. Ottenuta l'agognata laurea in lettere moderne, a febbraio 2017, decide perciò di dedicarsi interamente allo sviluppo del suo progetto artistico. Attualmente lavora alla registrazione del suo primo album con Giovanni Mazzanti, già produttore del disco d'esordio della band fiorentina Zeronauta, «Controluce». Con lui continua a sviluppare il proprio sound, senza perdere di vista l'aspetto testuale, da sempre centrale nelle canzoni di Dri. 

 

Sabato 23/09 Dyers' Project (jazz)

Dyers' Project: giovanissima formazione di musicisti da tutta la Lombardia, che eseguirà brani funk, jazz, soul, blues. 

 

Giovedi 28/09 Echo Beach (new wave, shoegaze, electronic)

Recente formazione bergamasca di stampo shoegaze, dream elettro pop, nasce dalle ceneri dei Samideani. Le sonorità, spensierate e sognanti, portano con sè la nostalgia degli anni '80 e le chitarre degli anni '90.

 

Sabato 30/09 Mocamblue Hot Club (blues)

Mocamblue Hot Club è una formazione semi acustica che ama fondere il linguaggio del Jazz classico con l'ironia e il sarcasmo della canzone d'autore e con le tipiche espressioni dei ritmi esotici e delle melodie Buskers o Klezmer. Il mix di questi elementi produce un risultato personalissimo, piacevole e mai greve. La ricerca sui testi e l'uso della "parola" ricercata o della narrazione immaginifica proiettano l'ascoltatore in un vero e proprio viaggio emotivo che ha come sostrato tutta la magia che il Jazz contaminato sa offrire. Quella del Mocamblue è "musica orizzontale" e non si nutre di virtuosismi solistici fini a sè stessi. È l'insieme che concorre a farsi musica e parole.

Locandina