Covid, in Lombardia 95 positivi I nuovi contagi a Bergamo sono 31
METEO In collaborazione con 3BMeteo
«E quindi uscimmo a riveder le stelle» Foto del Giorno «E quindi uscimmo a riveder le stelle»

Con il fondo della Diocesi
card per famiglie in difficoltà

di Laura Arnoldi
Con il fondo della Diocesi card per famiglie in difficoltà

Sono 96 le prime famiglie a cui sono state consegnate le prime Mastercard SOLDO, card prepagate sostenute con il fondo «Ricominciamo insieme - Sostegno alle generazioni nella famiglia», voluto dalla Diocesi di Bergamo per aiutare chi si trova in difficoltà economica in seguito all’emergenza sanitaria legata al Covid 19.

Covid, è la donna
a pagare di più

di Francesco Anfossi
Covid, è la donna a pagare di più

L’emergenza economica post Covid è donna. Ce lo dice anche l’Istat nel suo rapporto annuale, uscito mentre l’Italia cerca faticosamente di uscire dalla tragedia della pandemia. Uno tsunami che ha acuito le diseguaglianze, bloccato l’ascensore sociale, aggiunto disagi a disagi preesistenti. Ancora una volta la tenuta del Paese è dovuta al «saldo rifugio dei valori familiari» e al senso civico degli italiani, ligi alle indicazioni del governo nei giorni del lockdown: il distanziamento, l’igiene, la riduzione di visite agli amici e ai «congiunti», gli spostamenti ridotti al minimo. Anche la cura dei figli è stata la prima occupazione, nei giorni in cui l’insegnante si poteva vedere al massimo sullo schermo di un computer, per l’85,9 per cento della popolazione.

L’Italia spende poco
i fondi dall’Europa

di Alberto Krali
L’Italia spende poco i fondi dall’Europa

Nel solo 2017 l’Italia ha versato 13,8 miliardi di contributi europei e ha avuto un ritorno di 9,5 miliardi con uno squilibrio di 4,3 miliardi. Ogni cittadino italiano è in credito con l’Unione europea di 39 euro. L’Italia è un Paese fondatore ed è contributore netto. Ogni Stato dell’Unione europea è tenuto a versare a Bruxelles un contributo calcolato su varie voci, per esempio reddito nazionale lordo, dazi doganali, un’aliquota Iva ecc. È un impegno scritto nei Trattati. Minacciare unilateralmente di ridurre la propria quota comporta la violazione del diritto internazionale e il pagamento di interessi di mora per il 2,5% sulla somma dovuta, più lo 0,25% per ogni mese di ritardo.

«Qui Malta, la nostra
scuola con il coivd»

di Andrea Taietti
«Qui Malta, la nostra  scuola con il coivd»

La lettera di due sorelline, Benedetta e Sonia Alfano, di 10 e 8 anni vivono nell’isola con mamma, papà e il fratellino Lorenzo. La vita a Naxxar con il Covid. Da Ponteranica a Naxxar per vivere col padre che si era trasferito per lavoro. È la storia di Benedetta e Sofia, rispettivamente di 10 e 8 anni, che nel 2018, con la madre Paola e il loro piccolo fratellino Lorenzo di 4 anni (all’epoca solo di 2), hanno deciso di raggiungere il padre che dal 2016 vive e lavora a Malta per un’azienda chimica multinazionale. «I primi due anni – racconta Antonio Alfano, il padre – ho vissuto come un pendolare, solo che la tratta interessata era Malta-Bergamo.