Treviglio, 14enne aggredito e derubato Da un tatuaggio scoperta banda di minori
METEO In collaborazione con 3BMeteo
Panorama di Valtorta Foto del Giorno Panorama di Valtorta

Ponte di Genova,
l’orgoglio italiano

di Francesco Anfossi
Ponte di Genova, l’orgoglio italiano

Il triplo passaggio delle Frecce tricolori e il suono delle sirene delle navi ormeggiate al porto è stato l’unico strappo alla regola di una cerimonia giustamente mesta, quella dell’inaugurazione del nuovo ponte «Genova-San Giorgio» progettato dall’architetto di fama internazionale Renzo Piano, genovese che non ha mai rinnegato i suoi natali pur vivendo lontano dalla città della Lanterna. La ferita dei 43 morti non si rimargina, ha sottolineato il presidente della Repubblica Mattarella, e come ha giustamente detto il premier Conte, impone una reazione dello Stato in termini di contestazione degli accordi, di cambiamento della governance e della concessione.

la partita europea
divide la Lega 2.0

di Pino Roma
la partita europea divide la Lega 2.0

Con l’accordo sul «Next Generation Ue» – che ha dato il via libera a 209 miliardi di euro tra prestiti e sussidi a favore dell’Italia – il bilancio Ue, fino ad oggi di dimensioni simili a quello della piccola Danimarca, ha la possibilità di crescere consistentemente con l’emissione di bond garantiti da tutti i Paesi europei e molto attesi dai mercati. Lo scontro a Bruxelles per il conseguimento di tale storico risultato, ha visto da una parte i Paesi che ritengono l’Europa il luogo in cui limitarsi a negoziare nel proprio esclusivo interesse e quelli, capeggiati da Germania, Francia e Italia, che cercano una coincidenza tra interessi nazionali ed europei in vista di una visione politica comune. Con la vittoria di questi ultimi si è aperta una nuova fase che, grazie anche al semestre di presidenza di Angela Merkel, potrà generare inediti scenari sul piano politico. Non la pensa così Matteo Salvini, che ha definito da subito l’accordo «una truffa» e per commentarlo si è presentato in conferenza stampa con il responsabile economico della Lega Alberto Bagnai che, insieme al deputato leghista Claudio Borghi, prospetta da tempo l’uscita dell’Italia dall’Europa.

«Londra, tutti pazzi per l’italiano
Con il Covid lezioni online per tutti»

di Andrea Taietti
«Londra, tutti pazzi per l’italiano Con il Covid lezioni online per tutti»

«La prima volta che ho vissuto e lavorato a Londra era il 1986 – racconta Stefania Cremaschi, 53 anni, di Ranica –. Ero venuta nella capitale inglese per fare un’esperienza all’estero di 6 mesi dopo la maturità e ho lavorato alla Benetton. Mi è piaciuto davvero tanto, sia lavorare in questa città, sia la vita che offriva. Nel 1990, poi, mentre lavoravo alla Reggiani macchine nell’ufficio export, a Bergamo, sono tornata a Londra per altri 3 mesi per conseguire una certificazione di lingua inglese».