Venerdì 15 Gennaio 2010

Ruba un distributore di palline
ma era vuoto: né soldi, né giochi

Alle notizie di nuovi colpi della banda dei videopoker e delle macchinette cambiasoldi siamo - purtroppo - abituati. Ma il furto di un distributore di palline - di quelle che fanno cadere palline piene di giochini, gioia dei più piccoli - è certamente un fatto inusuale. Tanto che all'inizio non ci credeva neppure il titolare della tabaccheria di Bergamo, in via Borgo Palazzo non lontano dal condominio Canarie: solo quando il ladro è partito sgommando ha realizzato che era stato appena vittima di un furto.

Tutto è accaduto intorno alle 13 di oggi: il tabaccaio stava chiudendo quando, attraverso il sistema di videosorveglianza, ha notato un uomo che armeggiava attorno al distributore di palline. Pensando di spiegargli meglio il funzionamento, il negoziante è uscito in strada: giusto in tempo per vedere il ladro caricare l'intera macchinetta nel bagagliaio di una Panda.

Un po' perplesso, ha guardato il presunto cliente con fare interrogativo. Questi ha risposto con un gesto che sembrava dire «adesso arrivo e ti spiego». I pochi secondo il ladro è salito al posto di guida ed è fuggito via, sgommando. Per far perdere le tracce ha anche imboccato contromano la via Bono.

Al tabaccaio non è rimasto altro da fare che dare l'allarme: è arrivata la polizia, poi anche i carabinieri hanno dato una mano per le ricerche. Del furto è stato avvertito anche il titolare della ditta che le fornisce ai negozi in comodato d'uso.

E il ladro? È riuscito a far perdere le tracce. Cerco è che, se mirava ai soldi, è rimasto deluso perché la macchinetta era stata appena svuotata; se invece puntava ai giochini, allora ha ricevuto un'altra delusione perché la macchinetta era praticamente vuota.

r.clemente

© riproduzione riservata