Giovedì 11 Ottobre 2007

Una giornata «speciale» per persone «speciali»

Il 14 ottobre sarà la giornata della persona con sindrome di Down.Io sono la mamma di una bambina che ha la sindrome di Down: ha un piccolo, infinitesimale cromosoma in più che però segnerà per sempre la sua vita.I bambini con la sindrome di Down spesso hanno delle malformazioni, o vengono colpiti da malattie gravi (in primis la leucemia) che li costringono a lunghe e dolorose degenze in ospedale, cosa che, per ora, a noi è stata risparmiata.Tuttavia i bimbi Down sono allegri, affettuosi, amano giocare, e a volte fanno i capricci, proprio come gli altri splendidi bambini.I nostri bimbi «speciali» arrivano a fare le stesse cose che fanno gli altri, solo con un po’ più di fatica e un po’ più tardi.E ogni traguardo conquistato è fonte di gioia ed orgoglio per mamma e papà, esattamente come per i bimbi normodotati, ma forse con un pizzico di consapevolezza in più, che quello che si sta raggiungendo è frutto di un grande impegno e di tanto lavoro di un bambino per cui nulla è dato per scontato.In occasione di questa giornata «speciale», nata per persone «speciali», vi invito, come mamma della mia meravigliosa e insostituibile bambina, a rivolgere un pensiero affettuoso a tutti i bambini con la sindrome di Down.Contribuirete così a creare i presupposti perché quando saranno più grandi possano integrarsi pienamente nella società e avere quindi un futuro più sereno.Grazie!Rachele

a.campoleoni

© riproduzione riservata