Giovedì 18 Marzo 2010

Istituti superiori, tutti gli indirizzi
I nuovi percorsi scuola per scuola

Conto alla rovescia per iscriversi al primo anno delle scuole superiori targate Gelmini. La riforma parte a settembre, ma entro il 26 marzo bisogna scegliere l'istituto che si vorrà frequentare. I cambiamenti sono epocali: eliminati centinaia di indirizzi sperimentali e sfoltimento delle lezioni.

Gli studenti staranno meno sui banchi di scuola e avranno più tempo per studiare a casa. I licei passano da 447 in tutta Italia a 8. Gli istituti tecnici si riducono a 11 e i professionali a 6. Il provveditore Roffia spiega le novità nella Bergamasca e da mercoledì risponde su L'Eco ai dubbi di genitori e ragazzi

Il groviglio di indirizzi che ha caratterizzato la scuola italiana fino a oggi è destinato a sciogliersi. La riforma Gelmini ha dato un taglio netto riducendo licei, istituti tecnici e professionali a un'offerta che numericamente si conta quasi sulle dita di una mano. Entrerà in vigore nelle prime classi delle scuole superiori da settembre, ma i ragazzi di terza media e i rispettivi genitori sono chiamati alla scelta entro il 26 marzo.

Il dirigente scolastico Luigi Roffia interviene per offrire alcune indicazioni sulle novità della riforma che prevede meno lezioni e più studio.

Con la riforma si passa da 447 a otto licei. Riduzioni anche nei tecnici e nei professionali. Un bel taglio. Qual è l'obiettivo di questa razionalizzazione didattica? «Questa è una riforma che alcuni definiscono di riorganizzazione e semplificazione: vengono chiuse tutte le sperimentazioni».

Anche nella Bergamasca? «Certo, da noi sono partite negli anni '77-'78, altre si sono aggiunte negli Anni Ottanta e Novanta, di fatto noi in ogni istituto avevamo 1-2 sperimentazioni. Chiudono tutte».

E cosa ci resta? «Sei licei con due articolazioni, di fatto otto licei. Abbiamo 11 istituti tecnici, 2 nel primo settore e 9 nel secondo settore, abbiamo 6 istituti professionali, 4 nel primo settore e 2 nel secondo. Più la formazione regionale triennale».

Leggi tutta l'intervista a Roffia e guarda tutti i nuovi indirizzi scaricando i pdf allegati

a.ceresoli

© riproduzione riservata