Giovedì 05 Maggio 2011

Scatta l'amore su Facebook
Evade dai domiciliari, arrestato

L'amore via Facebook l'ha travolto, tanto che non ha esitato a lasciare la moglie e a evadere dagli arresti domiciliari a cui era sottoposto per ricettazione. La fuga sentimentale per S. P., 37 anni, di Massarosa (Lucca), s'è però conclusa poco prima delle 13 di martedì 3 maggio a Verdellino: i carabinieri di Verdello sono andati ad arrestarlo a casa della giovane della quale s'era innamorato chattando su Facebook.

L'uomo è comparso in direttissima, dove l'arresto è stato convalidato. Il giudice ha disposto che il 37enne torni agli arresti domiciliari: il processo - su richiesta del difensore - è stato rinviato. S. P. aveva l'obbligo di rimanere in casa dove abitava con la moglie, con cui però - per sua stessa ammissione - c'erano però dissapori. Per vincere la noia della detenzione domiciliare, l'uomo s'era messo a navigare in Internet. S'era iscritto a facebook e qui aveva fatto amicizia con una ragazza di Verdellino.

In poco tempo tra i due era scattato il feeling. Un amore «on-line» che rischiava di rimanere platonico, limitato agli scambi di parole, ma che ha vissuto una svolta nei giorni scorsi, quando la giovane bergamasca ha imposto l'ultimatum al suo innamorato: o mi raggiungi e ti fai vedere in carne e ossa, oppure ti lascio. Per giorni S. P. si è macerato: svelarle che era agli arresti domiciliari e non poteva lasciare casa, oppure rischiare e raggiungerla a Verdellino? Ha vinto il rischio. S. P. ha abbandonato l'abitazione e si è fiondato dall'amata.

I carabinieri della Compagnia di Lucca, che non l'avevano trovato durante i controlli, hanno chiesto lumi alla moglie e hanno cominciato a indagare, scoprendo la relazione via facebook. Così, identificata la giovane della quale il 37enne s'era innamorato, hanno avvertito i colleghi della stazione di Verdello, fornendo loro le coordinate. I militari sono andati a colpo sicuro. Quando martedì si sono presentati nell'abitazione di lei, S. P. era seduto a tavola per il pranzo.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata