Domenica 22 Agosto 2004

Il servizio civile apre ai pensionati

I pensionati, fino a 65 anni di età potranno essere impegnati nel servizio civile volontario in Lombardia. È questa la novità principale del progetto di legge regionale sul servizio civile approvato dalla Giunta regionale, su proposta di Gian Carlo Abelli, assessore alla Famiglia e Solidarietà della regione.

Il progetto prevede inoltre l’istituzione di un albo regionale degli enti di servizio civile, di un organismo regionale permanente sulla formazione e di un fondo regionale con risorse per il settore. Anche la Caritas bergamasca sta studiando il testo del progetto approvato per capire come evolverà il servizio civile con le nuove regole. Bisogna capire come andranno applicate rispetto alla convenzione nazionale e quindi accertarsi dei cambiamenti, dei possibili vantaggi e dei limiti.

A quanto pare molti enti godranno di ulteriori privilegi - soprattutto chi già impiega volontari pensionati - per loro ci sarà l’opportunità di usufruire dei contributi statali. Sarà anche l’occasione per il mondo «no profit» di favorire il volontariato e coinvolgere più attori nella realizzazione di un servizio coordinato e di qualità. Condiviso da tutti i volontari, anche non più giovani, e teso a valorizzare le loro esperienze professionali nel mondo del "no profit", esperienze che hanno già maturato nel corso dell’età lavorativa.

Tra le novità previste dal progetto di legge c’è l’Albo regionale degli enti di servizio civile, al quale si dovranno iscrivere gli enti che intendono presentare progetti di servizio civile, e precisa contenuti e modalità di redazione dei progetti stessi. È istituito, inoltre, un «Organismo regionale permanente sulla formazione» che coinvolgerà tutti gli attori del sistema formativo lombardo nell’aggiornamento dei piani formativi e nel monitoraggio della qualità della formazione erogata. Alla Regione sarà affidata la certificazione delle competenze acquisite dai volontari nel corso del servizio prestato.

La legge stabilisce, inoltre, la durata, gli orari e i compensi per i volontari del servizio civile, e definisce il programma triennale (approvato dal consiglio regionale entro il primo trimestre di ogni anno) con i settori prioritari di intervento, i requisiti dei progetti, i criteri di valutazione e lo stanziamento di risorse regionali.

(22/08/2004)

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags