Gran Prix il 27 maggio sulle Mura
«Guest star» è Bruno Giacomelli

Sarà l'ex pilota di Formula 1 Bruno Giacomelli la guest star del "Bergamo Historic Gran Prix" che si disputerà nella giornata di domenica 27 maggio sul tracciato del "Circuito delle Mura" unica gara di velocità effettuata nel 1935 e vinta da Tazio Nuvolari.

Gran Prix il 27 maggio sulle Mura «Guest star» è Bruno Giacomelli

Sarà l'ex pilota di Formula 1 Bruno Giacomelli la guest star del "Bergamo Historic Gran Prix" che si disputerà nella giornata di domenica 27 maggio sul tracciato del "Circuito delle Mura" unica gara di velocità effettuata nel 1935 e vinta da Tazio Nuvolari.

Bruno Giacomelli, bresciano, è stato pilota ufficiale Alfa Romeo in Formula 1 dal 1979 al 1981 e a Bergamo ritroverà proprio una vettura della casa del "biscione" la 8C del 1935 già guidata proprio da Tazio Nuvolari.

L'edizione di quest'anno della manifestazione si presenta con importanti  novità.

Il centoventesimo anniversario della nascita di Tazio Nuvolari (1892-1953) è stato celebrato con una mostra allestita presso la Galleria Kefri in via S.Orsola 19 F a Bergamo. Sono esposte: una serie di inedite fotografie stampate su tela che riprendono i momenti più significativi della gara del "Mantovano Volante" sulle Mura nel 1935,  alcune locandine della "Domenica del Corriere" originali a lui dedicate, l'imponente Coppa Città di Bergamo vinta a Bergamo e per finire la moto Bianchi 350 Freccia Celeste con cui vinse dal 1925 al 1930.

E proprio in virtù dei trascorsi motociclistici del "Mantovano Volante" la manifestazione bergamasca aprirà alle moto da Gran Premio anni '50-'70 con una manche di mezzora, dalle 11,30 alle 12,00, ad intervallare i passaggi delle vetture. A dare lustro a questa rievocazione nella rievocazione nientemeno che il nove volte campione del mondo delle due ruote in pista  Carlo Ubbiali su MV Agusta, già vincitore del "Gran Premio delle Mura" nel 1947 in sella a una DKW . Garantita inoltre anche la presenza dell'ex pilota Lino Cornago in sella ad una Rumi da Gran Premio e la superlativa Moto Guzzi 8 cilindri 500 del 1955 considerata la più straordinaria macchina da corsa di tutti i tempi con 72 cavalli e 275 Km/h di velocità.

Passando alle note tecniche della manifestazione, il tracciato sarà come di consueto il perimetro delle medioevali mura venete di Bergamo Alta (m 2.920) percorso in senso orario come nel 1935 nell'unica edizione del "Circuito delle Mura" automobilistico, con partenza in griglia da Colle Aperto,  passando attraverso la porta del Pantano scendendo dalla Boccola, quindi affrontando il lungo rettilineo fino alla chiesa Sant'Agostino. Passata l'impegnativa curva con cambio di pendenza, si imboccherà la salita dell'imponente Viale delle Mura, che offre un panorama mozzafiato di Bergamo Bassa, per concludere la chicane della porta San Giacomo e a seguire ancora un rettifilo e, dopo l'ultima curva, il traguardo.

Il programma prevede l'arrivo di tutti i partecipanti in Piazza della Cittadella, allestita a paddock, in Bergamo Alta alle 9,00, a seguire quattro manche di mezzora, due durante la mattina (inizio alle10 ed alle 11) e due il pomeriggio (inizio alle 14,30 ed alle 15,30), con le oltre cinquanta vetture da corsa suddivise nelle categorie : Anteguerra GP e Sport, F1, F2, F. Junior e F3 fino al 1975, GTS e Prototipi fino al 1970. Tra le regine già confermate alcune Bugatti 35 e 37 per rendere omaggio al "Trofeo Giulio Foresti", dedicato al famoso bergamasco, pilota ufficiale del prestigioso marchio, l'Alfa Romeo 8C del 1935 affidata a Bruno Giacomelli, la F1 Lotus 18 ex Jim Clark e la F1 Cooper BRM ex J.Rindt/J.Icks,la F2 Tecno ex F.Cevert, la F3 Tecno ex J. Dubler, la F3 GRD ex Alan Jones, le prestigiose Maserati 26B GP, 150S, 200S, 300S. Inoltre il Jaguar Club Italia farà sfilare alcune E Type e XK120.

Da segnalare inoltre presenza della Porsche 935 Vaillant- Kremer del 1977 regina delle piste e delle gare di durata e altre importanti vetture Sport Prototipo.

Come sempre confermata la finalità benefica della manifestazione con il ricavato devoluto alla Onlus Spazio Autismo Bergamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA