Venerdì 08 Giugno 2012

Puntuale la replica dei pendolari
«Poco più veloci, molto più cari...»

Buongiorno è di pochissimo fa la notizia che verranno istituiti dei treni "velocissimi" da Bergamo a Milano. In 30 minuti si potrà raggiungere il capoluogo lombardo. Bene. Costerà 12 euro. Uau, più del doppio rispetto ai treni dei "poveri" pendolari di oggi!!

Il mio viaggio odierno però mi ha fatto riflettere su un piccolo particolare che vorrei condividere. Percorrenza 30 minuti... Oggi ho preso il treno 2625 da Milano per Bergamo, tempo di percorrenza teorica: 48 minuti. Il treno, secondo il sito di TRENORD my-link.it, è partito con 1 minuto di ritardo da Milano C.le ed è arrivato a Lambrate in orario. Ha recuperato 1 minuto. E' arrivato a Pioltello con 1 altro minuto di anticipo partendo in orario. E' arrivato a Verdello con 4 minuti di anticipo ed è ripartito in orario. E' arrivato a Bergamo con ben 6 minuti di anticipo.

Quindi, in totale, il treno ha impiegato 1 + 1 + 4 + 6 minuti in meno rispetto a quanto previsto: il totale fa 12. Domanda, ma se il mio tragitto può essere fatto in 48-12=36 minuti, perchè sulla carta devono rimanere 48 e spesso ci si deve fermare fuori stazione a Bergamo perchè si è in anticipo? Perchè i tempi di percorrenza sono così larghi? Dubbi dubbi dubbi...

Certo, credo che spendere 12 euro anzichè 5,15 per impiegare 6 minuti in meno non sia una grande offertona.. E soprattutto, il tragitto del super treno sarebbe Bergamo - Milano Centrale o Bergamo - Milano Lambrate? non è proprio la stessa cosa...

Francesco Graziano
Comitato Pendolari Bergamaschi
www.quellideltreno.com

a.ceresoli

© riproduzione riservata