Mercoledì 08 Agosto 2012

Basta fracasso e abuso di alcol
Lovere mette le regole notturne

Ridurre al minimo ogni possibile disturbo al riposo dei cittadini, salvaguardare le attività di bar e locali di ritrovo, sensibilizzare i giovani sull'abuso di alcoli. Sono alcuni deglo obiettivi fissati a Lovere durante un incontro tra il sindaco Giovanni Guizzetti, il responsabile dell'Area Polizia Locale e Commercio, Michele Lorandi, e diversi esercenti pubblici esercizi.

Si è discusso in particolare di queste serate caratterizzate dal prolungamento dell'apertura in orario serale e notturno, con intrattenimento musicale e di clientela giovanile.

«Durante l'incontro - si legge in una nota del Comune - sono state affrontate le problematiche inerenti il disturbo alla quiete pubblica provocato da intrattenimenti musicali che si protraggono in tarda serata, nonché l'allarmante questione del consumo smodato di alcol da parte di minori di età».

«La linea dell'Amministrazione comunale, condivisa pienamente dai gestori dei locali intervenuti, si basa sulla collaborazione sinergica tra i soggetti coinvolti e quindi sulla condivisione delle problematiche e sulla ricerca consapevole delle possibili soluzioni, al fine di salvaguardare sia le attività imprenditoriali, che rappresentano uno dei settori trainanti dell'economia locale, che la tutela del riposo e della salute dei cittadini. Fatti salvi il rispetto delle regole imposte dalla normativa e l'applicazione delle sanzioni conseguenti, si ritiene che un approccio condiviso delle problematiche sia da preferire, in sostanza, ad un'attività meramente repressiva dei comportamenti illeciti. Si è quindi convenuto sull'opportunità di aprire e consolidare un canale comunicativo continuo tra amministrazione e gestori dei locali, anche al fine di monitorare l'evolversi delle problematiche e ricercare dinamicamente soluzioni e iniziative utili allo scopo».

«Nell'immediato, gli esercenti si sono impegnati, tutti, al rispetto dell'ordinanza sindacale già in essere, che limita le emissioni sonore esterne alle ore 24 e ad adottare comunque un comportamento volto a ridurre al minimo ogni possibile disturbo al riposo dei cittadini. Riguardo al consumo smodato di alcool da parte di giovani e giovanissimi, fermo restando il divieto di somministrazione ai minori di anni sedici già imposto dal codice penale, sono in fase di studio diverse iniziative, che vedranno impegnati l'Amministrazione comunale e la Polizia Locale e delle quali verrà data ampia pubblicità. Da subito, nei locali verrà esposto un cartello rivolto ai giovanissimi, con l'obbiettivo di sensibilizzare i consumatori e renderli edotti delle regole e degli effetti sulla salute».

e.roncalli

© riproduzione riservata