Mercoledì 19 Dicembre 2012

Trasferiti Nido e Patologia neonatale
Pronto Soccorso, fervono i preparativi

Mercoledì è stato il penultimo giorno del trasferimento: si sono spostati circa 110 pazienti e, in particolare, le neomamme e future mamme degenti in Ostetricia, i neonati del Nido, della Patologia neonatale e della Terapia intensiva neonatale, le donne ricoverate in Ginecologia.

Si è iniziato con le mamme dell'Ostetricia e della Ginecologia e a seguire con i bambini della Patologia che, a differenza del consolidato percorso attraverso la camera calda del Pronto soccorso, entrano direttamente in ambulanza nella Torre 1 per evitare il più possibile di prendere freddo.

Intorno alle 12 la prima fase di questa giornata di trasloco è terminata, si è ripreso alle 14 con i bimbi del Nido. Nel pomeriggio si sono trasfeiti 13 bambini e 21 donne tra neomamme e quelle ancora in attesa di partorire. le perazioni si sono concluse verso le 16.

Importante ricordare che le partorienti fino alle 8 di giovedì 20 devono rivolgersi al Pronto Soccorso ostetrico di largo Barozzi.

Per consentire al Laboratorio Analisi di concludere in sicurezza il trasferimento, il Centro Prelievi da giovedì 20 decembre al 24 dicembre limiterà gli accessi ai soli esami pre-accettati. L'attività riprenderà regolarmente dal 27 dicembre ad esclusione di alcuni esami citologici.

Inoltre il 22 e il 29 dicembre il Centro Prelievi rimarrà chiuso per consentire le operazioni di trasferimento al Papa Giovanni XXIII dei laboratori che eseguono le analisi, mentre lunedì 24 dicembre e lunedì 31 dicembre, in occasione delle festività, verrà anticipata la chiusura alle 15.

Il Centro Prelievi continuerà ad essere operativo nella sede di Largo Barozzi fino a nuova comunicazione. La dialisi e gli ambulatori e il day hospital di Oncologia ed Ematologia sono già attivi al Papa Giovanni XXIII.

Nel frattempo fervono i preparativi per il Pronto Soccorso che si trasferirà nella giornata di giovedì 20 dicembre. «Ai Riuniti rimarrà in funzione fino a mercoledì sera e giovedì non lo chiuderemo, ma abbiamo dato notizia agli organi dedicati al soccorso affinchè ci aiutino a spostare i casi gravi negli altri ospedali della provincia, che in questi giorni ci daranno una mano - ha sottolineato nei giorni scorsi il direttore generale Carlo Nicora -. Inoltre, chi ha bisogno di aiuto e deve indirizzarsi al Pronto soccorso, chiediamo se possibile di dirigersi al Bolognini di Seriate, alla Gavazzeni, a Bergamo, e a Treviglio. Se comunque i bergamaschi raggiungessero il nuovo ospedale, da giovedì saremo aperti».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata