Martedì 19 Febbraio 2013

Anas: le buche sull'Asse?
La colpa è dei mezzi pesanti

Un gran traffico pesante. Pare al momento soprattutto questa, per l'Anas, la ragione delle condizioni in cui versa la pavimentazione dell'asse interurbano, nel tratto - aperto nel luglio 2005 - tra lo svincolo di Treviolo e l'imbocco della galleria San Roberto.

Sulla pavimentazione in questione il colosso delle strade fa sapere di aver «effettuato richieste di chiarimenti alle imprese realizzatrici» (si è in attesa dei riscontri), ma i sondaggi nel frattempo realizzati in loco «hanno avvalorato - si legge in una nota dell'ufficio stampa - l'ipotesi che il danneggiamento della pavimentazione sia dovuto agli intensi volumi di traffico pesante (per le molteplici realtà industriali presenti sul territorio) che interessano la strada».

La quale, prosegue l'Anas «richiede comunque una costante e particolare manutenzione, rivolta anche alle pertinenze stradali, per la salvaguardia della vita utile dell'intera sovrastruttura». Manutenzioni che oggi sono a carico della Provincia, cui l'opera è stata consegnata ufficialmente a novembre 2010.

A occuparsi in primavera dell'intervento di rimessa in sesto (affidato alla Aeb Costruzioni Generali srl, della provincia di Treviso) sarà come noto la stessa Anas, «nell'ambito dello spirito di collaborazione tra enti che caratterizza l'attività dell'Anas, in particolar modo in Lombardia, e anche alla luce di precedenti accordi presi con la Provincia di Bergamo all'epoca della cessione dell'infrastruttura», si legge nella nota.

Anche perché le segnalazioni di problemi su quella dissestata parte dell'asse non sono proprio dell'altroieri: la prima lettera da Via Tasso, che segnalava «il manifestarsi di anomale fessurazioni nella pavimentazione stradale», era partita già nel marzo 2007.

Leggi di più su L'Eco di martedì 19 febbraio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata