Lunedì 09 Febbraio 2009

Il cuore di Eluana si è fermato
L'autopsia al «Civile» di Udine

Il procuratore della Repubblica di Udine, Antonio Biancardi, ha disposto l'autopsia sul cadavere di Eluana Englaro per accertare le cause della morte, avvenuta lunedì 9 febbraio poco dopo le 20. L'incarico è stato conferito all'anatomopatologo Carlo Moreschi che ha deciso di eseguire l'esame autoptico all'Ospedale Civile di Udine. Moreschi è stato il consulente dela Procura che nei giorni scorsi ha seguito l'attuazione del protocollo per l'interruzione della nutrizione di Eluana. L'ipotesi ritenuta al momento piu' probabile dai medici della clinica La Quiete di Udine è quella che Eluana Englaro sia morta per arresto cardiocircolatorio a seguito di un'insufficienza renale.
Eluana Englaro è morta lunedì sera, 9 febbraio, poco dopo le 20. E' stato l'anestesista Amato De Monte a telefonare a Beppino Englaro per comunicare la notizia del decesso di Eluana. «Si, ci ha lasciati - ha confermato tra le lacrime Beppino Englaro - ma non voglio dire niente, voglio soltanto stare solo».

Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi ha appreso con profondo dolore la notizia della scomparsa di Eluana Englaro. «E' grande il rammarico - ha detto - che sia sta resa impossibile l'azione del governo per savare una vita».

Anche la Camera, riunita per i lavori dell'Aula, ha osservato un minuto di silenzio per la morte della giovane. Il Senato ha interrotto i lavori per un minuto di raccoglimento in memoria di Eluana Englario. La notizia della morte è stata data dal vicepresidente Vannino Chiti. Subito dopo il presidente Renato Schifani ha invitato l'assemblea a un minuto di raccoglimento.

Il «ministro della salute» del Vaticano, il cardinale Javier Lozano Barragan, ha commentato «che il Signore l'accolga e perdoni chi l'ha portata a questo punto».

Il minsitro Maurizio Sacconi ha chiesto che il Senato approvi comunque il Decreto di legge del governo nonostante la morte di Eluana Englaro. Il presidente Renato Schifani ha convocato la Conferenza dei capigruppo e ha convenuto sulla richiesta di Sacconi.

Dopo la diffusione della notizia della morte di Eluana Englaro, decine di persone si sono radunate davanti alla clinica La Quiete di Udine, dove si è spenta la giovane. Le campane della città hannno accompagnato la notizia della sua morte. Davanti alla clinica i visi commossi e in lacrime di decine di persone. La gente ha acceso anche numerose fiaccole e molti hanno chiesto a viva voce che venga fatta chiarezza sulla fine di Eluana

a.ceresoli

© riproduzione riservata